Le chiavi della finale Monaco-Parigi su Betclic Elite



MVP della finale del 2023 contro i Metropolitans 92, Jordan Loyd torna nello stesso stadio senza slancio dopo una serie fallita contro il Bourg-en-Bresse (5 punti al 17% di tiro). Il suo risveglio sarà fondamentale per il Monaco mentre Mike James (anca) è tornato solo in gara 3 contro Bressans. Miglior difensore del trio maggiore formato con James e Okobo, Loyd sarà mandato al fuoco anche su TJ Shorts o Nadir Hifi. Al termine del suo contratto, l'americano (30 anni) ha tre o cinque partite per convincere la squadra della Roca a trattenerlo.

Martirizzato a volte da Joffrey Lauvergne o Mbaye Ndiaye, il Paris è arrivato al punto di rinunciare a 22 rimbalzi offensivi e 60 punti nella sua racchetta durante la partita 4 contro l'Asvel. Un tallone d'Achille ben individuato dal Monaco, che presenta la squadra più atletica del Campionato e un settore interno complementare tra la minaccia aerea di Donta Hall, il post play e il tiro di Donatas Motiejunas (incerto, la nostra foto) e l'opera ombra di Mouhammadou Jaiteh, reduce da un naso rotto.

Un pitbull in meno per Parigi

Vittima di una distorsione alla caviglia destra in gara 2 contro l'Asvel, Collin Malcolm ha saltato il resto della serie. Nonostante abbia fatto la trasferta a Monaco, l'esterno dovrebbe comunque essere in disparte per l'inizio della finale. Un'assenza prolungata che priva Tuomas Iisalo di un esterno, lasciando Tyson Ward e Justin Simon come principali risorse contro l'armata di marcatori monegaschi. In tre partite ha segnato una media di 89 punti contro i parigini, che sono la migliore difesa dell'élite.

READ  Grida di scimmia e saluto nazista durante OM-Atalanta: un uomo in custodia di polizia



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *