Le federazioni internazionali e l’UNESCO si mobilitano contro l’odio online



“Stufo degli insulti! » Questo è in sostanza il messaggio lanciato da diverse federazioni sportive internazionali, preoccupate per l'aumento dell'odio online. Si è appena tenuta a Parigi, presso la sede della FIA (Federazione Internazionale dell'Automobile), una conferenza alla presenza di una delegazione della FIFA (Federazione Internazionale di Calcio) e di Gabriela Ramos, vicedirettrice generale dell'UNESCO, per la sezione educativa.

L’ostilità online è rivolta principalmente agli atleti, ma anche ai funzionari e ai tifosi stessi. Da questa constatazione è nata un’associazione, denominata Uniti Contro gli Abusi Online (UAOA). Con in particolare la creazione di una piattaforma aperta dedicata permettendo alle federazioni, ai club e a chiunque sia interessato di trovare le chiavi per limitare gli attacchi, moderare e contribuire ad educare le comunità presenti sui social network.

Secondo uno studio, il 75% degli atleti ha ricevuto minacce fisiche

Nel corso di questa conferenza, uno studio ha dimostrato che quasi tutti gli atleti, di tutti gli sport messi insieme, sono stati vittime di insulti e altri messaggi di odio tramite i social network. Pertanto, oltre il 75% degli atleti ha addirittura ricevuto minacce fisiche. Tra questi, il 90% degli atleti dichiara che potrebbe rinunciare all'attività agonistica qualora il fenomeno persistesse, o addirittura peggiorasse.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *