Le prime vittime sacrificali per “incaprettamento” risalgono al Neolitico


L'antica pratica dell'incaprettamento, un macabro rituale che prevede di legare le vittime sacrificali affinché si strangolano, è stata portata alla luce da un recente studio archeologico. Questa tradizione sembra risalire al periodo neolitico in Europa, con più di una dozzina di casi di uccisioni rituali identificati in un periodo di oltre 2.000 anni.

Sacrifici rituali nel Neolitico

Lo studio si è concentrato su una tomba scoperta più di vent'anni fa a Saint-Paul-Trois-Châteaux, vicino ad Avignone, in Francia. Questa tomba, che imita un silo (una fossa utilizzata per immagazzinare il grano), conteneva i resti di tre donne risalenti al circa 5.500 anni. I ricercatori hanno reinterpretato le posizioni degli scheletri e hanno concluso che due delle donne lo erano state deliberatamente ucciso per incaprettamento prima di essere sepolto. Questo metodo implica legare il collo delle vittime alle gambe piegate dietro la schiena, lasciandole morire per strangolamento.

Sebbene le ragioni di questi rituali non siano ancora chiare, gli esperti suggeriscono che potrebbero essere collegati a pratiche agricole, visti i simboli agricoli presenti nella tomba, come la struttura in legno allineata con il Soleil ai solstizi e alle pietre rotte per macinare il grano.

Questo studio ha esaminato anche i siti di sepoltura neolitici in tutta Europa. Ciò ha consentito di individuare venti probabili casi di omicidio rituale mediante incaprettamento quattordici diversi siti databili tra il 5.400 e il 3.500 a.C. ANNO DOMINI. Le prove della sua pratica si estendono anche dalla Repubblica Ceca alla Spagna. Inoltre, prove di arte rupestre mesolitica in Sicilia, realizzate tra il 14.000 e l'11.000 a.C. a.C., sembrano raffigurare figure umane collegate in modo simile.

READ  Marsiglia-Atalanta: quando si giocherà la semifinale di Europa League?
incaprettamento
La tomba di Saint-Paul-Trois-Châteaux vicino ad Avignone contiene gli scheletri di tre donne che furono sepolte lì intorno al 5400 a.C. d.C. Due di loro sarebbero state vittime sacrificali. Crediti: Ludes et al., Sci. Avv. 10, eadl3374
incaprettamento
La tomba che contiene i tre scheletri è stata realizzata a forma di silo all'interno di una piccola struttura in legno e circondata da una fossa. Crediti: Ludes et al., Sci. Avv. 10, eadl3374

Vittime sepolte ancora vive

Lo studio archeologico fa luce anche su dettagli inquietanti su queste uccisioni rituali durante la preistoria europea, compreso il fatto che le vittime erano ancora vivi al momento della loro sepoltura, nonostante fossero legati in posizioni disperate. I segni sui resti indicano che le vittime erano coscienti e combattevano per la propria vita quando furono deposte nelle loro tombe.

Anche i ricercatori lo hanno notato frammenti di pietre pesanti utilizzati per macinare il grano venivano posti sui corpi delle vittime, tenendoli saldamente ancorati al suolo. Questa macabra scoperta suggerisce che anche se le vittime fossero riuscite a scappare, sarebbe stato loro impossibile lottare contro il loro terribile destino. Questo dettaglio aggiunge un’ulteriore dimensione all’orrore di queste pratiche rituali evidenziando la crudeltà e la violenza inflitte a questi individui millenni fa.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Progressi della scienza.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *