le principali novità della dichiarazione dei redditi nel 2024


Come ogni anno, la dichiarazione dei redditi si presenta con alcune novità. BFM Business fa il punto a pochi giorni dall'inizio della campagna 2024.

Pochi giorni da l’apertura del servizio di dichiarazione dei redditi onlinela Direzione Generale delle Finanze Pubbliche (DGFIP) ha pubblicato il suo tradizionale « Guida pratica » per navigare meglio e conoscere le novità che segneranno questa campagna 2024. Panoramica.

> Nuova scala

Anche quest’anno il governo ha deciso di indicizzare la scala dell’imposta sul reddito all’inflazione. Concretamente, ciò significa che ciascuno La soglia di ingresso in tranche è stata aumentata del 4,8%. Pertanto, quest'anno un singolo contribuente sarà imponibile a partire da 11.295 euro di reddito, soglia per entrare nella fascia dell'11%, invece di 10.777 euro dell'anno precedente.

Questo aumento delle soglie andrà a vantaggio di coloro il cui stipendio non è aumentato o è aumentato meno rapidamente dell’inflazione. Secondo Bruno Le Maire ciò contribuirà ad evitare che “320.000 dipendenti finiscano sotto l'imposta sul reddito”. Secondo il ministro dell'Economia, l'aumento della scala rappresenta “quasi sei miliardi di euro in deficit” per il bilancio dello Stato.

> La dichiarazione online arriva sull'applicazione mobile

Per la prima volta sarà possibile “fare la dichiarazione dei redditi sull'applicazione mobile impots.gouv”, almeno quelle più semplici, annuncia la DGFIP.

Questo nuovo servizio “offrirà un processo di dichiarazione semplificato e intuitivo in quattro fasi: situazione, entrate, spese, riepilogo”, continua. Sarà così possibile modificare o aggiungere dall'applicazione mobile delle persone a carico, determinati redditi (stipendi, stipendi, pensioni, rendite, redditi da capitale mobile, ecc.) o spese (alimenti, quote sindacali, assistenza personale…).

> Maggiore sicurezza dei dati bancari

Quando un contribuente desidera modificare le proprie coordinate bancarie sul sito web delle imposte, deve inserire un codice monouso ricevuto via SMS. Tuttavia, se l'amministrazione fiscale non conosce il suo numero di telefono, la modifica può comunque essere effettuata senza dover inserire un codice.

READ  Richard Debray, una vita dedicata al volo degli aquiloni

Non sarà più così. Se i servizi fiscali non riescono a garantire la modifica delle coordinate bancarie tramite un codice inviato tramite SMS, il codice verrà ora inviato tramite e-mail.

Da quest'anno la dichiarazione online conterrà un nuovo questionario denominato “Sintesi” che sarà sottoposto al contribuente al termine delle procedure. «Gli utenti devono rispondere prima di firmare la dichiarazione dei redditi», precisa la DGFIP.

Questo questionario mira essenzialmente a garantire che i proprietari abbiano dichiarato eventuali cambiamenti nella situazione di occupazione del loro alloggio. Pertanto, il questionario chiederà loro di indicare se tali cambiamenti sono avvenuti nel 2023. In caso di risposta positiva e se il cambio di occupazione non è stato ancora dichiarato, il contribuente verrà automaticamente reindirizzato alla sezione « Gestisci il mio immobile » .

> Incoraggiamento a dichiarare il trasloco e la residenza degli studenti

Per incoraggiare i contribuenti a segnalare correttamente un eventuale cambio di indirizzo, l'amministrazione fiscale ha deciso di adeguare la dichiarazione dei redditi. Concretamente, l'utente deve indicare se si è trasferito o meno nel 2023 o nel 2024. In caso contrario, non potrà continuare la sua dichiarazione.

La campagna 2024, inoltre, segna l'arrivo di un'altra novità che riguarda gli studenti legati al nucleo familiare fiscale dei genitori. I contribuenti dovranno ora segnalare se lo studente ha un alloggio indipendente o se vive con i genitori. Se dispone di un alloggio proprio, dovrà essere fornito l'indirizzo di quest'ultimo.

> Prorogata la riduzione fiscale sulle donazioni

Fissata al 66%, la riduzione fiscale sulle donazioni è estesa alle donazioni effettuate a favore di “opere e organizzazioni di interesse generale che contribuiscono all'uguaglianza tra donne e uomini”, sottolinea la DGFIP.

La riduzione fiscale è aumentata al 75% anche per le donazioni effettuate alla Heritage Foundation per la salvaguardia degli immobili religiosi, fino al limite di 1.000 euro all'anno.

> La riduzione fiscale per gli alloggi turistici ammobiliati è aumentata in alcuni casi al 92%.

I proprietari che affittano alloggi turistici classificati e dichiarano il proprio reddito in regime micro BIC potranno beneficiare di un'ulteriore riduzione del 21%, che porterà la riduzione totale al 92%, rispetto al 71% precedente.

Dovranno però verificarsi due condizioni: che l'alloggio sia situato « fuori da zone caratterizzate da un significativo squilibrio tra domanda e offerta di alloggi e che il fatturato dell'anno precedente sia inferiore a 15.000 euro ».

Ricordiamo che la “nicchia fiscale di Airbnb” resta nel mirino di alcuni parlamentari e organizzazioni professionali che rappresentano gli albergatori e i professionisti del turismo che hanno presentato una ricorso al Consiglio di Stato annullare la reintroduzione di questo vantaggio fiscale. Infatti, durante l’esame del bilancio dello Stato adottato alla fine del 2023, il governo ha dimenticato di cancellare un articolo introdotto dall’opposizione che riduceva significativamente l’agevolazione fiscale per gli alloggi turistici ammobiliati.

Gli Esperti: Tasse, si può evitare un aumento?  - 02/04
Gli Esperti: Tasse, si può evitare un aumento? – 02/04

> Un credito d'imposta per la riqualificazione energetica ripristinata

Buone notizie per le piccole imprese: è stato ripristinato il credito d'imposta per la riqualificazione energetica degli edifici terziari posseduti o affittati dalle PMI. Può applicarsi alle spese sostenute tra il 1 gennaio 2023 e il 31 dicembre 2024.

READ  Questi ricercatori stanno lavorando per diagnosticare il cancro ancor prima che si manifestino i primi sintomi

Il credito d'imposta si concretizza in un aiuto che prevede un sostegno pari al 30% delle spese ammissibili, fino al limite di 25.000 euro per impresa.

> Criptovalute: le plusvalenze possono essere soggette all'imposta progressiva sul reddito

IL plusvalenze realizzate dai detentori di criptovalute deve essere dichiarato. Finora erano soggetti alla flat tax unica (PFU) del 30%, ovvero al 12,8% di imposte e al 17,2% di contributi previdenziali. I contribuenti potranno ora optare per l'applicazione della scala progressiva dell'imposta sul reddito.

> Il servizio di correzione online esteso ai lavoratori autonomi

I lavoratori autonomi potranno ora trovare tutte le sezioni della loro dichiarazione unificata (fiscale e sociale) sul servizio di correzione online.

> Aumentato il tetto della detrazione del deficit fondiario

Quando il proprietario di un'abitazione che offre in affitto ha spese superiori al suo reddito patrimoniale, ciò genera un deficit immobiliare che può essere detratto dal reddito complessivo (stipendio, pensione di vecchiaia, ecc.).

Finora era possibile detrarre dal reddito un massimo di 10.700 euro all'anno per il deficit fondiario. D'ora in poi questo limite aumenta “temporaneamente e a determinate condizioni” a 21.400 euro all'anno.

La DGFIP precisa che questo “sistema facoltativo si applica alle spese di riqualificazione energetica per le quali il contribuente dimostra di accettare un preventivo a partire dal 5 novembre 2022 e che vengono pagate tra il 1 gennaio 2023 e il 31 dicembre 2025”.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *