L'ex All Black e Toulouse Byron Kelleher condannato per violenza domestica



L'ex nazionale neozelandese ed ex Stadio di Tolosa Byron Kelleher è stato condannato lunedì a sei mesi di carcere con due anni di sospensione condizionale dal tribunale giudiziario di Parigi per violenza domestica contro la sua ex compagna. “Nella nostra cultura, le donne vengono prima di tutti gli altri”si è difeso, in inglese, l'ex mediano di mischia.

Queste parole non hanno convinto la corte che ha dichiarato Byron Kelleher, 47 anni, colpevole dei fatti di cui è stato accusato. Dovrà pagare anche una multa di 1.000 euro e risarcire 800 euro all'ex compagna per danni morali.

Nel giugno del 2023, sotto l'effetto dell'alcol – cosa che nega – l'ex All Black (57 presenze) aggredì la compagna e madre del loro figlio. Insulti, colpi al volto e al petto, ha detto il presidente della 24esima Camera esponendo i fatti. La denunciante afferma che il suo compagno l'ha trascinata lungo un corridoio tirandole i capelli. “Non riconosco i fatti”ha risposto Kelleher, che ha anche negato “un problema con l’alcol (…) bevo come bevono tutti”. La sera dei fatti ammise di averlo fatto semplicemente “bevuto qualche bicchiere di vino rosato” con un amico.

Commento “non convincente” secondo il pubblico ministero

Il suo ex compagno ha spiegato che ha dovuto rifugiarsi in bagno e poi nella toilette per sfuggire ai colpi. Secondo l'ex giocatore di rugby, ad aggredirlo è stata la moglie. Lui si è difeso solo afferrandole i polsi. “Mi ha fatto cadere un dente”si è lamentato in particolare.

La sua ex moglie, che ha presentato denuncia più di un mese dopo gli eventi, ha detto alla corte di essere stata lei “visto morire”. « Mi spaventa », ha anche detto. Altri atti di violenza, non accolti dalla corte, sarebbero avvenuti, in particolare durante un soggiorno della coppia alle Mauritius o addirittura a Monaco. Il mio cliente “vuole soprattutto proteggere se stessa e suo figlio”ha sostenuto l'avvocato del querelante, Me Thibaut Rouffiac.

Il pubblico ministero ha giudicato i commenti di Kelleher “non coerente, non convincente e non rilevante”. Per l'avvocato di quest'ultimo, Me Emmanuelle Jallifier-Verne, la denunciante no “non sempre molto bello” per quanto riguarda il suo cliente, “leggenda vivente del rugby”. “Certamente c’è stata una disputaha lei ha ammesso, ma non vi è stata in alcun modo violenza. »

Era già stato condannato nel 2016 per violenza domestica

La coppia si è conosciuta a Tolosa nel 2010. Dalla loro unione è nato un figlio nel 2015 ma la coppia si è separata poco dopo la nascita del bambino, già dovuto, secondo la denunciante, “violenza verbale e fisica”. Byron Kelleher è tornato in Nuova Zelanda prima di ritornare in Francia nel febbraio 2022 e riprendere la vita insieme alla compagna. Secondo lei, le violenze sono riprese appena un mese dopo il suo ritorno in Francia.

READ  David Moyes lascerà il West Ham a fine stagione, Julen Lopetegui a sostituirlo?

Non è la prima volta che Byron Kelleher si presenta davanti alla giustizia francese. Tutto è iniziato nel 2009 in seguito a una rissa avvenuta a Tolosa dopo uno scontro mentre guidava sotto l'influenza dell'alcol. È stato poi brevemente posto in custodia di polizia nell'ottobre 2013 per « guida in stato di ebbrezza » a Bordeaux. Nel 2017 è stato multato di 200 euro per danni e violenza domestica commesso nel 2016 con un'altra donna.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *