Licenza del Vitesse Arnhem ritirata dalla Federcalcio olandese


Il Vitesse Arnhem, il secondo club olandese più antico, fondato nel 1892, rischia di scomparire. In ogni caso, questo è il senso della decisione presa dal comitato delle licenze della Federcalcio olandese (KNVB), resa pubblica martedì in un comunicato comunicato. Il giorno prima l’autorità aveva informato il club della sua sentenza volta a ritirargli la licenza” per non aver soddisfatto i requisiti di licenza ».

« Il comitato indipendente delle licenze della KNVB ha ritirato la licenza della squadra di calcio Vitesse a partire dal 9 luglio », ha affermato la KNVB. Lei sottolinea in particolare” l’assenza di un conto bancario, l’assenza di un dottore commercialista e il fatto che non è stato possibile garantire il pareggio di bilancio. »

Il Vitesse è retrocesso dalla massima serie olandese per la prima volta in 35 anni ad aprile, dopo essere stato ceduto 18 punti di prelievo dalla KNVB.

Un debito di oltre 14 milioni di euro

Alla fine di aprile la commissione aveva già minacciato di revocare la licenza. Il 17 maggio, a causa di “ lo sviluppo positivo del trasferimento delle azioni ad una fondazione indipendente « , aveva concesso un mese e una settimana di tempo aggiuntivo al club per » metti in ordine i tuoi affari” e “trova un nuovo proprietario. » Ma il rapporto consegnato il 24 giugno a mezzogiorno si è rivelato insufficiente per garantire la sostenibilità. Il principale creditore, Coley Parry, attraverso la sua società Common Group, ha un debito di “ più di quattordici milioni » euro, secondo i media olandesi Calcio internazionale.

READ  Dopo Villeneuve-d'Ascq, Janelle Salaün raggiunge Schio, in Italia

Il club situato nella provincia di Gelderland ha un’ultima risorsa: presentare ricorso scritto entro cinque giorni dalla data della decisione. Qualcosa fatto subito da Vitesse dopo l’annuncio della commissione, indica il comunicato. « Ci si aspettava che una decisione del genere venisse presaha reagito il direttore generale ad interim, Edwin Reijntjes. In effetti non siamo stati in grado di fornire le informazioni richieste in tempo. Come abbiamo annunciato anche alla KNVB, faremo immediatamente ricorso. »

Secondo i media locali, l’olandese Guus Frank, manager di una società di investimenti, sarebbe un potenziale acquirente, una volta » il completamento della ristrutturazione del debito e soggetto all’approvazione e all’eventuale concessione della licenza da parte della KNVB.  » In un comunicato stampa relativo al ritiro della licenza, il club ha confermato il proprio interesse per il dossier. Interessato anche Frank McCourt, proprietario dell’Olympique Marsiglia, prima di arrendersi di fronte all’entità del debito da riassorbire.

« Affrontiamo questo processo con fiducia “, ha però aggiunto Reijntjes. Se il ricorso viene respinto, è ancora possibile ricorrere al tribunale civile.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *