L’industria petrolifera era a conoscenza del cambiamento climatico sin dagli anni ’60, afferma il rapporto


Negli Stati Uniti, una commissione d’inchiesta composta da democratici eletti dalla Camera dei Rappresentanti ha pubblicato un rapporto che critica i giganti del petrolio. Secondo gli autori, i leader mondiali del settore lo sanno almeno dagli anni ’60 energie fossili causerebbe il riscaldamento globale.

Un rapporto che attacca Big Oil

Alla fine del 2023 la piattaforma governativa Il nostro ambiente ha pubblicato nuovi dati sul riscaldamento globale. Se le emissioni di gas serra sono diminuite in Europa (-27%) e in Francia (-23%) tra il 1990 e il 2021, è cresciuto del 58% a livello globale. Pertanto, limitare l’aumento delle temperature e mantenersi al di sotto dei +2°C per restare in linea con l’obiettivo dell’Accordo di Parigi sembra oggi piuttosto compromesso. Ovviamente, i combustibili fossili sono ampiamente presi di mira per il loro coinvolgimento nell’aumento delle emissioni di gas serra.

Nell'aprile 2024 una commissione d'inchiesta della Camera dei Rappresentanti ha pubblicato un report che attacca direttamente Big Oil. Questo termine designa il sei giganti petroliferi mondialivale a dire ExxonMobil, Chevron, BP America, Shell, l'American Petroleum Institute (API), rappresentante del settore petrolifero, nonché la Camera di commercio degli Stati Uniti.

Nel documento, gli eletti democratici della commissione affermano che queste entità sapeva fin dagli anni '60 (almeno) che i combustibili fossili causerebbero il riscaldamento globale. Gli autori del rapporto parlano di negazione del fenomeno, di disinformazione e di ambiguità da parte di questi colossi nei confronti del pubblico americano. L'obiettivo? Garantire che gli Stati Uniti e il mondo intero rimangono dipendenti dai loro prodotti.

READ  Questo è il più antico rettile marino dal collo lungo del mondo
rapporto sul petrolio
Crediti: Commissione della Camera per la supervisione e la responsabilità

Evitare la responsabilità per il cambiamento climatico

L'indagine della commissione è iniziata alla fine del 2021 e se Big Oil fosse stata esaminata attentamente, quest'ultima avrebbe fatto di tutto per ritardare e interrompere le indagini. Secondo gli autori, le sei entità hanno tentato di sottrarsi alla responsabilità del cambiamento climatico. Dopo aver definito il fenomeno una bufala e averne negato l’esistenza, i giganti del petrolio sono stati costretti a cambiare atteggiamento. Il rapporto menziona la comparsa di una campagna di inganno e di linguaggio ambiguo che afferma ufficialmente il desiderio di sostenere l’azione per il clima, pur portando avanti azioni contrarie in modo silenzioso.

Oltre al petrolio, il rapporto menziona anche il petrolio gas naturalel. Big Oil avrebbe affermato che questa risorsa era sicura per il clima e potrebbe fungere da energia di transizione verso un futuro senza combustibili fossili, il che è ovviamente falso. Per i rappresentanti eletti della Commissione è giunto il momento di ritenere questi attori responsabili dei danni causati.

Da parte sua, l’American Petroleum Institute (API) ha recentemente affermato che il settore è focalizzato sulla fornitura di petrolio e gas affidabili e convenienti ai cittadini americani, sviluppando al contempo il la prossima generazione di tecnologie a basse emissioniin particolare idrogeno et Cattura della CO2. Ma questa affermazione non basterà sicuramente a sminuire il contenuto del rapporto della commissione.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *