L’inquinamento da microplastiche degli oceani è stato sottovalutato


I risultati di un recente studio rivelano una quantità astronomica di plastica che non era inclusa nelle stime precedenti. Tuttavia, la presenza di questa maggiore quantità di queste multe particelle di plastica negli oceani dovrebbe costringere i ricercatori ad aumentare gli impatti sugli ecosistemi marini, ma anche per quanto riguarda la salute umana.

Un nuovo metodo per analizzare le microplastiche

Secondo uno studio pubblicato nel 2021, gli oceani conterrebbero nientemeno che 24,4 trilioni di microplastiche. E se questa quantità fosse effettivamente maggiore? I ricercatori della School of Marine and Atmospheric Sciences della Stony Brook University di New York (Stati Uniti) hanno pubblicato uno studio sull'argomento sulla rivista Bollettino sull'inquinamento marino il 18 aprile 2024.

Secondo gli autori dello studio, finora una quantità significativa di microplastiche è passata inosservata. Come parte di questo lavoro, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica analitica nota come spettroscopia Raman. Questo metodo, che combina la spettroscopia vibrazionale e la microscopiaconsente il rilevamento chimico e l'identificazione di particelle fini in campioni prelevati dall'ambiente.

Da dove provengono i campioni dello studio tre diverse regioni oceaniche : l'Oceano Pacifico Artico, la costa nord-orientale del Venezuela e l'area corrispondente alla corrente della Corrente del Golfo.

microplastiche
Crediti: pcess609 / iStock

Risultati allarmanti

Ricordiamo che metodi classici come quello con le reti per plancton permettono di catturare particelle di dimensione superiore a 300 micrometri. Tuttavia, si scopre che questa volta la spettroscopia Raman ha reso possibile riunire particelle molto più piccole, una grande novità. Purtroppo, almeno il 60% delle microplastiche raccolte sono state misurate meno di cinque micrometri, una dimensione quasi simile a quella di un globulo rosso umano. Per gli autori dello studio, l’urgenza è sviluppare metodi di rilevamento e analisi molto più avanzati per farlo determinare l’estensione delle attività umane sugli oceani.

READ  I magneti superconduttori ad alta temperatura sono pronti per la fusione

Dovresti sapere che queste microplastiche contengono sostanze chimiche pericolose, vale a dire, tra gli altri, polimeri del tipo polipropilene, polistirolo e polietilene. Accumulandosi nella catena alimentare, finiscono inevitabilmente nei nostri piatti. Mentre il potenziali rischi per la salute dell’esposizione alle microplastiche sono ancora in gran parte sconosciuti, gli scienziati ritengono che sia importante svolgere ulteriori lavori per valutare gli impatti di queste particelle in base alla loro forma, dimensione e composizione.

E se fosse già troppo tardi? Ricordiamoci però che nel 2022 sono state ritrovate le microplastiche per la prima volta nei polmoni umani viventi. Più recentemente, nell’aprile 2024, uno studio lo ha dimostrato microplastiche che ingeriamo Sono in grado di migrare al cervello. Infine, un altro studio pubblicato nel maggio 2024 ha evidenziato la scoperta di particelle di questo tipo nei testicoli umani.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *