L'intelligenza artificiale ci impedisce di incontrare gli alieni?


Mentre le intelligenze artificiali sono sempre più in via di sviluppo, la loro democratizzazione potrebbe essere la ragione principale che spiega il silenzio su possibili civiltà extraterrestri che popolano l’Universo. L’ascesa dell’intelligenza artificiale fa parte di una teoria più ampia: quella del grande filtro.

Ma dove sono gli alieni?

Menzioniamo innanzitutto il famoso paradosso di Fermi, vale a dire una serie di domande poste dal fisico italiano Enrico Fermi a metà del XIX secolo che potrebbero spiegare perché non abbiamo ancora trovato alcuna prova di vita extraterrestre. Questo premio Nobel per la fisica aveva espresso diverse idee, come l'esistenza di civiltà extraterrestri non abbastanza avanzate tecnologicamente, che ridurrebbe notevolmente le possibilità di incontro. Menzioniamo anche la possibilità che la comunicazione e il viaggio interstellare siano impossibili o non siano considerati desiderabili per vari motivi da queste civiltà. In breve, il paradosso di Fermi si può riassumere in una semplice domanda : “Se esistessero civiltà extraterrestri, i loro rappresentanti dovrebbero già essere qui. Allora dove sono? »

Un’altra possibile risposta a questo paradosso è la teoria del grande filtro introdotta dall’economista americano Robin Hanson nel 1996. Nel suo saggio intitolato Il Grande Filtro – Lo abbiamo quasi superato? (1998), ha descritto il grande filtro come un insieme di ostacoli che impediscono l'emergere duraturo di a civiltà extraterrestre capace di venire incontro all’umanità. Questo grande filtro però può materializzarsi in diversi modi, ma soprattutto forse non è ancora comparso o potrebbe essere stato presente anche prima dell’arrivo dell’uomo sulla Terra.

Impressione dell'artista trappista
Crediti: oorka / iStock

Intelligenza artificiale e grande filtro

Presso il Jodrell Bank Centre for Astrophysicals dell'Università di Manchester (Regno Unito), il fisico Michael A. Garrett sta lavorando a una teoria volta a definire la natura del grande filtro. Una pubblicazione sulla rivista Acta Astronautica del 6 aprile 2024 evoca il rapido sviluppo dell’intelligenza artificiale e soprattutto la loro trasformazione in quelle che chiamiamo super intelligenze artificiali (ASI) come possibile filtro.

READ  Come sbucciare facilmente una zucca o una zucca?

Come Michael A. Garrett, alcuni credono che il Grande Filtro impedisca alle specie tecnologicamente avanzate come la nostra di diventare multi-planetarie sviluppando un’esistenza stabile su più pianeti. Tuttavia, questo a maggior rischio di estinzione o stagnazione, avendo un solo pianeta su cui sopravvivere. Senza una regolamentazione efficace, l’intelligenza artificiale potrebbe quindi rappresentare a una minaccia molto significativa per il futuro dell’umanità sulla Terra, ma anche per tutte le civiltà. Se un’intelligenza artificiale superintelligente emergesse e andasse fuori controllo, potrebbe effettivamente minacciare l’esistenza delle civiltà che l’hanno creata, inclusa la nostra, poiché non ne hanno più bisogno. Questa prospettiva solleva la questione se altre civiltà possano aver incontrato uno scenario simile in cui la loro stessa intelligenza artificiale rappresentava una minaccia esistenziale e portava alla loro estinzione.

Ciò potrebbe spiegare perché non abbiamo ancora rilevato segnali provenienti da civiltà extraterrestri avanzate nell’universo e perché gli ASI rappresentano un rischio anche per gli esseri umani. questa tecnologia avanza più velocemente della nostra capacità di colonizzare altri pianeti a causa di numerosi ostacoli fisici non ancora superati. Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale impedirebbe quindi a qualsiasi specie vivente di insediarsi su altri pianeti in modo stabile, resiliente e sostenibile. E senza un pianeta di riserva, qualsiasi errore potrebbe verificarsi sinonimo di scomparsa delle civiltà il più audace.

I timori espressi da Michael A. Garrett possono essere associati a quelli dell'illustre fisico Stephen Hawking (1942-2018). Quest’ultimo infatti pensava che l’IA potesse diventare un potenziale nuova forma di vita che supererebbe l’uomo. E se questo scenario fosse già accaduto su un altro pianeta? Secondo gli esperti questa ipotesi è tutt’altro che inverosimile.

READ  NBA: Wembanyama guida gli Spurs alla vittoria sui Pelicans





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *