“Live bullets”, il documentario scioccante di L’Équipe esplora Serhiy Stakhovsky



In una vita normale, un documentario su Serhiy Stakhovsky si sarebbe concentrato principalmente sulla sua stagione tennistica. Ma in tempo di guerra, in questo caso tra Russia e Ucraina, Con munizioni vere, pubblicato online questo lunedì su L'Équipe esploraracconta meglio la nuova quotidianità del soldato dell'ex 31esimo numero del mondo nel circuito ATP.

Impegnato al fronte pochi giorni dopo l'invasione russa del 24 febbraio 2022, un mese dopo aver giocato gli Australian Open, il giocatore ucraino ha poi concluso la sua carriera per difendere il suo Paese. “A quel tempo era in vacanza a Dubai, era milionario, non viveva in Ucraina da molto tempo ed era doppiamente esente da conflitti, come padre di tre figli e come atleta di punta, ricolloca Nicolas Jambou, il regista del film. Avrebbe potuto comprare una casa sulla Costa Azzurra e vivere lì giorni sereni… Ma no, in un momento in cui tutti fuggono dall'Ucraina, torna a casa per imbracciare le armi e andare a combattere. Il nocciolo della questione è questa decisione piuttosto folle e inspiegabile. »

“Non gli dico che papà è in guerra, gli dico che papà è al lavoro”

Gran parte del film ci mostra principalmente il diario di bordo di un apprendista soldato, utilizzando le immagini scattate dal giocatore, da altri fanti e da un cameraman specializzato in conflitti, inviato vicino a Bakhmut per due giorni di riprese alla fine di gennaio.

Nicolas Jambou si è recato in Ucraina due volte per intervistare “Stakho”, una settimana a novembre e un'altra lo scorso febbraio. In particolare una volta all'interno della base di questa unità dotata di mortai, situata nel pieno centro di Kiev e ovviamente tenuta segreta. “Sembra una cantina piena di pistole e giubbotti antiproiettile, spiega il regista. I soldati erano una decina ma non abbiamo potuto filmarne nessuno a volto scoperto, a parte Stakhovsky che è già conosciuto. » Da qui il solo utilizzo audio della testimonianza del capo unità.

Divorziato dalla moglie russa dopo lo scoppio del conflitto

In questo film scopriamo uno sportivo impegnato sul fronte ma anche nella sua comunicazione sui social network. “Grazie per avermi dato l’opportunità di convincere i russi che la guerra in Ucraina non è necessaria, dichiara davanti alla telecamera. L’Ucraina è un paese libero e democratico con i propri obiettivi e risultati. L’Ucraina intende integrare l’Europa. Non vogliamo il mondo russo nel nostro Paese. Siamo diversi. » Se il regista specifica che il suo film non è un “strumento di propaganda” e di aver utilizzato pochissimi dei commenti fatti dal giocatore contro la Russia, lo ricorda lui “racconta tuttavia la storia della guerra attraverso gli occhi di Stakhovsky. Il giornalista svanisce completamente. »

READ  Secondo quanto riferito, i Lakers sarebbero "molto aperti" alla scelta del figlio di LeBron James

Durante il congedo del soldato, Nicolas Jambou è andato anche a incontrare i suoi cari: i suoi genitori e suo fratello in particolare. Solo un argomento, affrontato rapidamente nel documentario, rimane delicato, quello della disgregazione del nucleo familiare di Serhiy Stakhovsky. Divorziato dalla moglie russa dopo lo scoppio del conflitto, ora gestisce al meglio la sua vita di padre. “Non diciamo ai bambini che sono al fronte, lui spiega. Cerchiamo di tenerli lontani da questa grande guerra e dal fatto che la nostra famiglia è da entrambe le parti. Non gli dico che papà è in guerra, gli dico che papà è al lavoro. »

La sua ex moglie non voleva che il regista filmasse la riunione con i suoi figli mentre erano in licenza e si rifiutò di testimoniare su questa rottura. “Non c’è nessun collegamento tra le sue origini e il fatto che sia finita così, afferma Stakhovsky. Per me la guerra ha accelerato molte cose. E la guerra ha cambiato me e la mia comprensione della felicità. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *