Lo studio sui dinosauri sfida la regola di Bergmann


Una nuova ricerca mette in dubbio la validità della regola di Bergmann, un principio scientifico stabilito nel XIX secolo. Secondo questa regola, gli animali provenienti dalle alte latitudini e dai climi più freddi tendono ad essere più grandi dei loro parenti stretti che vivono nei climi più caldi. Tuttavia, i reperti fossili esaminati per questo studio hanno rivelato risultati contrastanti.

Il concetto di regolazione termica

IL La regola di Bergmann è un principio ecologico affermato nel XIX secolo dal biologo tedesco Carl Bergmann. Questa regola postula che all'interno della stessa specie o gruppo di taxa strettamente imparentati, gli individui che abitano regioni con temperature più fredde hanno tendono ad essere più alti rispetto a quelli delle popolazioni che vivono in regioni con temperature più calde. Questa regola si applica spesso ai mammiferi e agli uccelli, ma è stata studiata anche in altri gruppi di organismi.

La teoria alla base della regola di Bergmann si basa sul concetto di regolazione termica. Secondo questa teoria, gli animali più grandi hanno un rapporto superficie-volume inferiore, il che significa che perdono meno calore rispetto al loro volume corporeo. Negli ambienti freddi questo adattamento è vantaggioso poiché aiuta a mantenere la temperatura corporea degli animali entro limiti funzionali. Al contrario, negli ambienti più caldi, una dimensione corporea più piccola può essere vantaggiosa per evitare il surriscaldamento.

regola mastodontica di Bergmann
Crediti: Daniel Eskridge/iStock

Altri fattori in gioco

Si noti che sebbene la regola di Bergmann sia stata ampiamente osservata in molti gruppi di organismi, non è universale. Anche altri fattori possono influenzare le dimensioni del corpo animale, come ad esempio disponibilità di risorse alimentari et pressione predatoria. Negli ambienti in cui le risorse sono abbondanti e la pressione predatoria è bassa, gli animali possono infatti tendere ad essere più grandi a causa dei vantaggi nella competizione per le risorse e nella difesa contro i predatori. Al contrario, in ambienti in cui le risorse sono scarse e la pressione predatoria è elevata, gli animali possono essere più piccoli per ridurre al minimo il fabbisogno energetico e sfuggire ai predatori in modo più efficiente.

READ  I numeri della serata di Champions League

L'Anche la storia evolutiva di una specie può avere un ruolo nelle sue dimensioni corporee. Le pressioni evolutive esercitate dall'ambiente nel tempo possono infatti portare ad adattamenti specifici che non seguono necessariamente la regola di Bergmann. Ad esempio, alcune specie potrebbero essersi evolute fino a diventare più piccole a causa di vincoli legati alla disponibilità delle risorse o alla competizione interspecifica.

Oltre alla regola di Bergmann, anche altri principi ecologici possono influenzare la dimensione corporea degli animali a seconda del clima. Per esempio, La regola di Allen afferma che gli animali nelle regioni fredde tendono ad avere arti più corti rispetto a quelli delle regioni calde, riducendo la perdita di calore corporeo. Queste regole possono interagire in modi complessi con la regola di Bergmann e contribuire alla variazione delle dimensioni corporee osservate in natura.

Uno studio mette in discussione questa regola ormai consolidata

Nonostante le eccezioni, la regola di Bergmann rimane un concetto importante in ecologia e biologia evoluzionistica. Questo è il motivo per cui continua a essere studiato e discusso dagli scienziati come parte della comprensione della variazione geografica delle dimensioni corporee degli animali. Recentemente, i ricercatori dell’Università dell’Alaska e dell’Università di Reading hanno esaminato il caso dinosauri. Anche loro erano soggetti a questa regola della natura?

Per scoprirlo, il team ha analizzato centinaia di dati provenienti dai reperti fossili, in particolare quelli della formazione Prince Creek in Alaska. Sappiamo che al tempo dei dinosauri le temperature locali erano già gelide. La regione ha registrato anche regolari nevicate. Tuttavia, nonostante queste rigorose condizioni ambientali, non è stato osservato alcun aumento significativo delle dimensioni corporee dei dinosauri artici.

READ  Titleist – Fers T-Series
regola di Bergmann sui dinosauri
I dinosauri Nanuqsaurus (in piedi sullo sfondo) e Pachyrhinosaurus (teschio in primo piano) erano tra le specie di dinosauri incluse nello studio. Crediti: James Havens

I ricercatori hanno poi tentato la stessa valutazione con mammiferi e uccelli moderni, discendenti di mammiferi e dinosauri preistorici. I risultati furono in gran parte gli stessi. Esisteva un leggera relazione tra le dimensioni corporee degli uccelli moderni e la temperaturama non lo era non è lo stesso per gli uccelli preistorici.

Più in generale, i ricercatori hanno scoperto che la regola di Bergmann in realtà non lo è applicabile solo a un sottoinsieme di animali omeotermi (coloro che mantengono una temperatura corporea stabile), e solo quando consideriamo la temperatura trascurando tutte le altre variabili climatiche. Ciò suggerisce che la teoria di Bergmann è in definitiva più l'eccezione che la regola.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Comunicazioni sulla natura.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *