Loïs Openda, sul gol negato al Belgio contro la Slovacchia: « Non sento di toccare la palla » con la mano



Loïs Openda (attaccante del Belgio, dopo sconfitta contro la Slovacchia 0-1): “Non sentivo che stavo toccando la palla ed è stato quando ho rivisto le immagini sul grande schermo che ho visto che la mia mano l'aveva toccata. Ma non ho proprio visto che il difensore mi stava spingendo in quel momento. Si vede che c'è contatto e cerco di rimanere stabile sui miei piedi. E' così, non posso farci niente. È vero che la palla non cambia direzione, è sulla mia traiettoria. Prendo la palla con me per prima, prima del rimbalzo. E' una decisione un po' dura, non è che spingevo la palla mettendo in difficoltà il difensore, visto che lo avevo già superato. È così, a decidere sono il calcio, il VAR e gli arbitri. »

Amadou Onana (centro del Belgio): “È una grande delusione. Ma abbiamo prodotto qualche azione e creato parecchie occasioni sotto porta, negli ultimi sedici metri. Siamo andati vicini al gol due volte. Purtroppo questi due gol ci vengono tolti. Ma questo è il calcio. È crudele, ma dovremo concentrarci abbastanza velocemente sulla seconda partita. Onestamente non ho ancora visto il gol. (negato), ma penso che anche il difensore stia spingendo Openda. È una combinazione di circostanze, ma è il calcio, devi accettarlo.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *