L'OL vince il 17esimo titolo del campionato francese



La partita: 2-1

Per promuovere la suspense, D1 Arkema ha deciso di innovare questa stagione. Per la prima volta in 32 anni, gli spareggi dovevano definire la squadra vincitrice del campionato. Solo che i Fenotte sono sgranocchiatori di finali, e quindi di titoli. Per la 17esima volta, l'OL ha aggiunto il proprio nome alla lista della massima divisione. Hanno vinto l'esperienza contro il PSG, con un punteggio di 2-1, che non riflette del tutto il loro dominio.

I lionesi hanno lasciato che fossero gli avversari a entrare in partita, come per avere più possibilità in seguito. L'inizio della partita è stato a vantaggio dei giocatori del PSG, concretizzato da un feroce tiro da parte dei miglior giocatore D1 ai trofei UNFPTabitha Chawinga (3e).

Quindi OL ha chiaramente preso il sopravvento. Su un passaggio profondo di Daniëlle Van de Donk, Delphine Cascarino ha mostrato la sua velocità. È andata dritta in porta e ha tirato sul primo palo per aprire le marcature e iniziare la propria (1-0, 18esimo). Quattro minuti dopo, il PSG ha nuovamente offerto un gol all'avversario. Katarzyna Kiedrzynek impiega troppo tempo a respingere la palla, al punto che Melchie Dumornay arriva da lontano per pressare e poi recuperare la palla. Ha ritardato e trasmesso all'ex parigino, Kadidiatou Diani, che ha concluso tra le gambe del portiere (2-0, 22esimo).

READ  Olivier Giroud conferma la sua partenza dal Milan per la MLS

La suspense ha preso il sopravvento solo negli ultimi venti minuti. Nonostante il possesso palla superiore, l'attacco del PSG non ha mostrato molto. Maria Antonietta Katoto non fu molto influente. Chawinga è stata più irrequieta e ha avuto il merito di rilanciare la sua squadra. Dopo una grande svolta di Sakina Karchaoui, l'attaccante del Malawi ha provato due volte a ingannare Christiane Endler (2-1, 73esimo). I giocatori di Jocelyn Prêcheur hanno avuto qualche occasione (20, 35, 53), ma sono sempre sembrati un gradino sotto.

21

Dal 2011, l'Olympique Lyonnais ha vinto 21 delle 23 finali giocate, in tutte le competizioni.

Al termine di un incontro interessante e sfrenato, l'OL lancia idealmente il suo finale di stagione. Tra otto giorni ci aspetta un'altra finale, questa volta al piano superiore. Sarà il Barcellona e la Champions League. Ma, per abitudine, i lionesi sanno come vincere una finale.

Il giocatore: ancora Kiedrzynek colpevole

Sabato scorso aveva eseguito uno spettacolo molto delicato, in semifinale contro il Paris FC (2-2, 5-4 nelle schede). Katarzyna Kiedrzynek sbagliava i suoi interventi e regalava il primo gol alle rivali, prima di rimediare parando un rigore. In linea con questa fine del viaggio, il portiere polacco non ha risposto alla fiducia del suo allenatore, che aveva deciso di farla partire da titolare, nonostante la concorrenza con Constance Picaud. Sul primo gol, la 33enne non ha coperto bene il primo palo, dove Delphine Cascarino ha colpito una palla forte. Pochi minuti dopo, i fantasmi dello scorso fine settimana sono tornati. Finché aveva tempo, si è lasciata pressare da Dumornay e ha perso palla in un'area molto pericolosa. Indifesa, ha subito il colpo di Kadidiatou Diani tra le gambe. La pressione dei play-off non ha funzionato per lui.

READ  Il Real Madrid rinnovato vince silenziosamente sulla Real Sociedad nella Liga



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *