Luca Van Assche batte con Fabio Fognini nel premier tour di Wimbledon



A 37 anni Fabio Fognini (94esimo al mondo) ha le gambe più rigide che mai. Ma questo è sempre stato il segno distintivo di un gesto molto personale. E se colpisce spesso con le gambe tese, il suo braccio non rimane meno vivace. Sfoggiando una sorprendente tinta bionda, l’italiano ha dimostrato di avere ancora dei bellissimi resti. Sfortuna, dall’altra parte della rete c’era Luca Van Assche (104°).

Scelto dopo aver perso la partita nell’ultimo turno di qualificazione contro Lucas Pouille a causa del ritiro di Dominik Koepfer, il francese era in grande evidenza a Wimbledon. Se ogni esperienza è buona da vivere, rischia di essere ruminata un po’ prima dell’assimilazione.

In effetti, Van Assche è andato subito in acqua all’inizio della partita. Dopo un primo break frutto di ottime risposte, Fognini ha proseguito nel primo set. Se Van Assche è stato più presente nel secondo, non ha comunque avuto modo di deragliare un italiano sicuro del suo fare.

Fognini chiude la partita

Spezzato all’inizio del terzo set, Van Assche è partito male. Gli mancava quel pizzico di aggressività in più da far dubitare Fognini che proprio non dimostrava la sua età. Van Assche riesce però a rompere il break per portarsi avanti (5-4) e costringere Fognini al servizio per restare nel set. L’italiano chiude la partita pareggiando sul 5-5. Dietro è stato più aggressivo, soprattutto quando è arrivato a rete, per prendere ancora una volta il servizio dell’avversario. Dietro è stato intoccabile, chiudendo il match con un dritto vincente. Colpisci ancora una volta con le gambe molto rigide.

READ  Il Panathinaikos pareggia contro il Maccabi nei quarti di finale di Eurolega



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *