Lucille Gicquel, dopo la vittoria dei Bleues: “È la piccola vittoria che aspettavamo per rafforzare la nostra fiducia”



Lucille Gicquel, playmaker della squadra francese, La Bulgaria vince 3-1 nella Nations League : “Siamo contentissimi, è la piccola vittoria che aspettavamo per darci fiducia. Stiamo ancora cercando di ritrovarci in questa squadra che ha tanti giovani. Abbiamo spinto davvero tanto nel 4° set, era ora o mai più vincere. Contenti dell'energia che ci siamo dati a vicenda, che fa girare la palla. Personalmente ho ripreso la prima partita VNL più tardi (Lega delle Nazioni) è stato il primo con le ragazze, non ho giocato le amichevoli. Devo ancora adattarmi, ma mi sono liberato man mano che la partita andava avanti. »

Leandra Olinga-Andela, centro e capitano dei Bleues: “Questa vittoria è davvero bella, abbiamo avuto i brividi alla fine della partita, è stata intensa. Abbiamo avuto momenti di dubbio ma ci abbiamo creduto fino alla fine. Siamo andati lì con gioia e determinazione, questo alla fine fa la differenza. Siamo molto orgogliosi di noi stessi e non vedo l'ora di tornarci! Ci parlavamo nello spogliatoio, anche con due sconfitte dovevamo restare in contatto. Abbiamo un grande gruppo, dobbiamo prenderlo come volano e possiamo giocare insieme. »

Amandha Sylves, centrale dei Bleues: “Ci siamo detti che non avevamo nulla da perdere e che normalmente avremmo dovuto vincere contro la Bulgaria. Ma loro sono nella VNL da tre anni, sono riusciti a resistere nonostante tutte le sconfitte, avevano più esperienza di noi. Nel 2° set ha funzionato, poi nel 3° ci siamo detti che potevamo farcela. Mentalmente, fisicamente, il 4° set è stato il più difficile. Dimostriamo anche che non siamo qui per niente (si tratta della prima esperienza della Società delle Nazioni per la Francia), per cui abbiamo lavorato per arrivarci. »

READ  Prima dei Giochi Olimpici, in un anno nell’Île-de-France venivano deportate 12.545 persone

Emile Rousseaux, allenatore della Francia: “Vincere un set è stato l’inizio dell’inizio, una partita è bella, anche se è in assoluto l’avversario più debole. Dopo ogni partita guardiamo il video, i punti di attenzione, cosa non è stato rispettato. E' l'unico modo per imparare. Facciamo tutto il possibile per imparare da ciò che non sappiamo fare bene. Per questo gruppo si tratta di trovare un equilibrio tra sviluppare potenza e lucidità. Bisogna assolutamente trovare questo equilibrio, saper gestire le palle difficili, abbinandolo all'allegria e al piacere. Anche quando perde contro la Polonia (0-3 venerdì), eravamo contenti di aver avuto la possibilità di giocare contro una squadra così. Non dobbiamo subire sconfitte. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *