L'ultima grande collisione della Via Lattea è sorprendentemente recente


Gli scienziati hanno recentemente fatto affascinanti scoperte sulla storia della Via Lattea grazie alle osservazioni del telescopio spaziale Gaia dell'Agenzia spaziale europea (ESA). Questi risultati mettono in discussione ciò che pensavamo di sapere sulle collisioni galattiche e sulla crescita della nostra galassia.

“Rughe” galattiche della Via Lattea

La Via Lattea non è una galassia statica. Nel corso di miliardi di anni è cresciuto e si è evoluto fondendosi con altri galassie. Queste collisioni sono paragonabili a shock cosmici che distruggono e consumano le galassie più piccole, integrando le loro stelle e i loro materiali nella Via Lattea. Ogni collisione poi lascia tracce nella distribuzione e nel movimento delle stelle.

IL telescopio spaziale Gaia è uno strumento essenziale per gli astronomi qui. Mappa le posizioni e i movimenti di oltre un miliardo di stelle nella Via Lattea. Questi dati consentono quindi agli scienziati di comprendere come la nostra galassia si è evoluta nel tempo.

Nel 2018 Gaia ha rivelato per la prima volta delle “rughe” nella distribuzione delle stelle. Queste rughe sono aree in cui si esibiscono le stelle movimenti insoliti, creando modelli distinti che sono impronte di collisioni passate. In altre parole, queste strutture sono come increspature lasciate da antiche collisioni galattiche. Studiando queste increspature, gli scienziati possono quindi ripercorrere eventi storici che ha plasmato la nostra galassia.

via Lattea
Visualizzazione di un alone di stelle “rugoso” attorno alla Via Lattea. Crediti: Halo Stars: ESA/Gaia/DPAC; Via Lattea e Nubi di Magellano: Stefan Payne-Wardenaar

Una revisione della storia galattica

Per comprendere queste rughe, i ricercatori hanno confrontato i dati di Gaia con simulazioni di diverse fusioni galattiche. Tradizionalmente, si pensava che l’ultima grande collisione della Via Lattea, chiamata Gaia-Sausage-Enceladus (GSE), fosse avvenuta tra otto e undici miliardi di anni fa. Tuttavia, dati recenti di Gaia suggeriscono una revisione significativa di questa linea temporale.

READ  la pillola per uomini, presto realtà?

Concretamente i ricercatori hanno scoperto che le rughe attuali potrebbero essere altrettanto evidenti solo se fossero state causate da un evento più recente. Se provenissero da un’antica collisione otto miliardi di anni fa, sarebbero infatti troppo dispersi per essere osservati distintamente.

Avrebbe avuto luogo solo una nuova collisione, chiamata fusione radiale della Vergine circa 2,7 miliardi di anni, molto più recentemente del previsto. I ricercatori ritengono che questa recente collisione abbia coinvolto a donna galattica, molto più piccolo della nostra Via Lattea e contenente meno stelle e materia. Tuttavia, anche un oggetto così piccolo può avere un impatto significativo quando entra in collisione con una galassia grande come la nostra.

Questa scoperta modifica così la nostra comprensione dell'evoluzione della Via Lattea. Invece di credere che la nostra galassia abbia subito la sua ultima grande fusione miliardi di anni fa, ora sappiamo che ha continuato ad evolversi più recentemente. Ciò significa che molti modelli e idee sulla sua crescita devono essere rivisti.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *