Marchand segue il piano nei 200 metri farfalla e rana



Erano le 10:12 quando Léon Marchand si è tuffato per la sua prima gara questo mercoledì, a Chartres. Con un tempo di reazione di 0''72 avremmo potuto dirlo il cinque volte campione del mondoNon era sveglio. Ma, al contrario, aveva già il pieno controllo su questa serie dei 200 metri farfalla. “Avevamo stabilito il piano, specificherà Nicolas Castel, suo allenatore al Tolosa. La notte scorsa (martedì), abbiamo fatto un piccolo controllo per verificare realmente cosa dovevamo mettere in atto. Le istruzioni erano di vedere se aveva ritrovato un po' di freschezza, e allo stesso tempo di arrangiarsi. »

Dopo aver completato i suoi due viaggi di andata e ritorno nella farfalla in 1'57''90 (i minimi sono fissati in 1'55''78) e, meno di un'ora dopo, i suoi 200 m rana in 2'12''85 (minimo: 2'9''68), Marchand sembrava calmo. “È rassicurato che è fresco, deve ancora riprendersi dalla trasferta. Ma per quanto riguarda la gestione, va bene. Si sentiva bene. Molto meglio, aggiunge Castel. Ce (Mercoledì) In serata dovrà nuotare più velocemente, ma sarà anche una ripetizione con dieci minuti in meno rispetto a questa mattina. »

Terebo e Mahieu nella finale dei 200 dorso

La mattinata ha visto anche il ritorno in acqua di Emma Terebo e Pauline Mahieu nei 200 dorso. Il neocaledoniano (25 anni), qualificato ai Giochi nei 100 dorso un record francese infranto (58''79)ha preso il comando sulla distanza più lunga con il tempo di 2'10''37. “Mi sarebbe piaciuto fare un po' meglio, l'obiettivo era fare 2'9'' perché è una prova generale per la serie Games, commenta. Come va. Mi sono sentito davvero bene, rilassato, non ho forzato il nuoto, mi sento bene per questa sera. »

Per Pauline Mahieu (25 anni), la delusione per il 4° posto nei 100 metri, mentre deteneva il record francese prima della finale, non sembrava essere digerito. Nelle manche ha ottenuto il 4° tempo in 2'14''63. “È difficile da accettare ma, allo stesso tempo, non ho avuto rimpianti, mi sono accontentato di quello che avevo quel giorno ed ero al 100%. È un'opportunità per la Francia di avere dei secondi posti a questo livello. È difficile non qualificarsi nei 100 metri, ma sono subito tornato indietro perché sapevo che non era la fine. Stamattina è stata un po' dura come tutti i 200 dorso della mattina, ho avuto un po' di difficoltà tra l'andare lì per orientarmi e il non stancarmi troppo. È una via di mezzo ma in ogni caso, non importa come mi sento, andremo lì con il coltello tra i denti e ci sanguineremo per andare, non ho scelta. Cercherò di concentrarmi su me stesso e di dare il massimo per non avere rimpianti. »

READ  Adrien Rabiot troppo altruista? Il grande fallimento della Francia contro l'Olanda



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *