Marianne Vos vince l'Amstel Gold Race davanti a Lorena Wiebes, che ha festeggiato troppo presto



Lorena Wiebes ha vissuto una violenta sollevazione emotiva questa domenica pomeriggio al traguardo dell'Amstel Gold Race. Con le braccia alzate nel fotofinish, l'olandese ha preceduto la connazionale Marianne Vos (Visma-Lease a bike), che è caduta alla sua sinistra, dimenticata dalla velocista dell'SD Worx, in lacrime dopo aver realizzato il suo errore.

“Non me lo aspettavo, è un errore stupido che fai solo una voltadisse Wiebes, una volta che le lacrime si furono asciugate. Non mi era mai successo prima e spero che questa sia l'ultima volta. » Soprattutto perché la sua squadra aveva svolto tutto il lavoro necessario. In una gara neutralizzata per un'ora e poi accorciata (da 158 a circa 100 km) a causa di un incidente in cui è rimasto ferito un agente di polizia, l'SD Worx è quasi rimasto intrappolato nella fuga di Ricarda Bauernfeind (Canyon//SRAM Racing), Yara Kastelijn (Fenix -Deceuninck) ed Eva Van Agt (Visma-Lease a bike), partite a 35 km dal traguardo. Ma questo terzetto resistente è stato crudelmente inghiottito al Cauberg, a 2 km dal traguardo, dove Elisa Longo Borghini (Lidl-Trek) ha tentato, senza successo, di staccarsi.

“Mi è dispiaciuto per lei (Wiebes). Ti senti così male quando succede, spero che lei lo superi. »

Marianne Vos su Lorena Wiebes

READ  Mark Daigneault (Oklahoma City Thunder, qualificato per i playoff NBA): “Il West è stato incredibile quest’anno”

Dopo il cambio, la vincitrice dell'anno scorso, Demi Vollering, è riuscita a portare Wiebes su una sedia a rotelle nello sprint, dove il piano doveva essere portato a termine perfettamente senza l'astuzia e la tenacia di Vos, che non ha mai rilassato il suo sprint. “Sapevo che ci sarebbe stato vento contrario, abbiamo provato entrambi ad andare a sinistra, Lorena è uscita all'improvviso, ero accanto a lei e non pensavo che l'avrei raggiuntaVos dettagliato. Quando ha iniziato a festeggiare ho visto che avevo più velocità, ancora non pensavo di poter vincere ma ce l'ho fatta. A me è quasi successo nel 2021”. All’epoca Vollering era quasi tornata mentre la campionessa del mondo nel 2006, 2012 e 2013 alzava le braccia.

“Mi è dispiaciuto per lei (Wiebes), ha ammesso Vos. Ti senti così male quando succede, spero che lo superi, so che tornerà per vincere. » “Sono rimasta davvero delusa perché le ragazze hanno lavorato tantissimo per permettermi di sprintareha spiegato lo sfortunato perdente. L'ho capito quasi subito dopo aver oltrepassato il limite. L'Amstel resterà un grande obiettivo, era così vicino, lo tengo in considerazione per il prossimo anno. » Completa il podio il norvegese Ingvild Gaskjenn, del team Liv-AlUla-Jayco.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *