Marie-Ève ​​​​Gahié, battuta da Margaux Pinot nella finale dei -70kg: “Più positiva che negativa”



Sei mesi dopo il titolo europeo nei -70 kg, Marie-Ève ​​​​Gahié (27 anni) ha fallito nella ricerca di una seconda incoronazione mondiale, battuto in finale da Margaux Pinot. La detentrice della categoria per le Olimpiadi di quest'estate assicura che questa battuta d'arresto la motiverà soprattutto di più.

“Come ti senti dopo questa medaglia d’argento?
Sono grato, grazie Signore Gesù. È stata una grande sfida, un grande obiettivo ottenere un secondo titolo (dopo quello del 2019). Mancano due mesi alle Olimpiadi, prendo tutto, mi sarebbe piaciuto l'oro, ho i soldi, prendo tutto.

Cosa pensi di esserti perso durante questa finale?
Sento che sto cercando di trovare soluzioni

A due mesi dai Giochi, quali lezioni hai imparato?
Ho cercato di rimanere coerente e concentrato in ogni combattimento. Questa è la mia battaglia. L'ho fatto con successo. Mancavano due o tre ragazze che saranno presenti alle Olimpiadi.

“Sono felice di essere arrivato alla fine della giornata. Avevo questa prova generale che volevo

Questo fallimento in finale potrebbe metterla in dubbio riguardo alle Olimpiadi?
No, per niente. Se fossi stato in quest’ottica di non voler dubitare del risultato, non sarei venuto. Volevo questa sfida, sono felice di essere arrivata a fine giornata. Avevo questa prova generale che volevo.

Il titolo mondiale per Margaux Pinot, il titolo olimpico per te. Firmi?
No, li voglio entrambi, perché rinunciare al mio posto? Ma se i soldi mi portano all’oro, non preoccuparti. Qualunque fosse il risultato, sarei tornato al lavoro ma ovviamente le sconfitte mi danno sempre la carica.

Cosa ti è piaciuto di questa giornata nonostante tutto?
Fallo cadere. Ho fatto ne-waza (lavoro a terra) Inoltre, mi è mancato un po'.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *