Marie Wattel fonda la sua associazione Sport et Partage



È iniziato da un'osservazione e da un desiderio. Ogni volta che tornava a casa in Alta Savoia, Marie Wattel vedeva accumularsi il materiale inutilizzato. Inizialmente pensò di organizzare una lotteria e raccogliere fondi per una fondazione. Poi ha preso forma l’idea di creare la sua associazione. Ne parla alla sua famiglia e ai suoi cari e nel periodo settembre-ottobre ha contattato La Ligue de l'enseignement des Bouches-du-Rhône per aiutarla a strutturare il suo progetto e lanciare “Sport et Partage”* a marzo. L'obiettivo? “Recuperare le attrezzature inutilizzate. Club, atleti di alto livello e gente comune, tutti noi abbiamo delle cose in giro per casaspiega. Raccoglieteli e ridistribuiteli nei luoghi in cui ce n'è più bisogno, inizialmente nei quartieri prioritari di Marsiglia. »

Nel bel mezzo di un anno olimpico, questo non è banale ma il vicecampione del mondo dei 100 metri farfalla (2022) ama il movimento e l'apertura verso altri mondi. “Non posso fare nulla a casa. È anche faticoso perché provo sempre cose nuove. Se non ho niente da fare, vado a comprare un mobile, ho voglia di montarlo, di fare sempre delle cose. Non mi sforzo di farlo, mi viene naturalesottolinea. Infatti è la mia preparazione olimpica, forse ci vorrà del tempo, dò le energie che devo dare, non ne ho tante. Sto lanciando la cosa, se aiuta solo dieci quindici persone il primo anno, sarà tutto e poi cercheremo di far crescere la cosa. » Non vuole concentrare la sua azione sul nuoto ma su tutte le discipline affinché i giovani “Voglio fare sport e voglio che sia facile e divertente”.

READ  UConn mantiene il suo titolo NCAA

“C’era voglia di dare ma anche di avere un progetto, di sviluppare nuove competenze, di imparare, di scoprire un nuovo mondo”

Il nuotatore ha notato la crescente sedentarietà tra gli adolescenti e ha visto che i costi potrebbero rallentare l'accesso allo sport. Nella sua brochure di presentazione, nota l'inattività influenzata da fattori sociali: “La pratica sportiva nei quartieri prioritari della politica cittadina (QPV) è più debole e meno diversificato rispetto al resto del territorio. » Gli abitanti di questi quartieri praticano la metà dello sport rispetto alla media della popolazione. Quando ha incrociato questa osservazione con la quantità di attrezzature inutilizzate, ha sentito che avrebbe potuto creare un collegamento. Con le Olimpiadi di Parigi come specchio ingranditore. “ C'era voglia di dare e anche di avere un progetto, di lavorarci parallelamente alla mia preparazione olimpica, di sviluppare nuove competenze, di imparare, di scoprire un nuovo mondospiega. Anche per questo l'ho fatto. »

Nella sua preparazione mentale, Marie Wattel utilizza spesso il disegno. Per il suo progetto immaginerebbe una medaglia olimpica al centro del foglio per promuovere la sua richiesta di donazione di attrezzature. Per il momento il lobbismo si ferma al circolo più immediato, ma in pochi giorni ha già collezionato due nuovi campi e palloni da beach volley. Anche se si concentra sulla formazione, spera di organizzare una prima azione tra settembre e ottobre 2024.

READ  Il semplice consiglio contro il muschio sul tetto di casa



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *