Mathieu Van der Poel, 3° alla Liegi-Bastogne-Liegi: “Non credevo al podio”



Il campione del mondo è riuscito a sorridere solo in conferenza stampa. Quando Tadej Pogacar, seduto accanto a lui, lo ha interrogato sulla sua prossima vacanza a Dubai, ha segnato le recenti grandi inondazioni. Come al solito, Mathieu Van der Poel (29 anni) ha fatto la partita rispondendo senza peli sulla lingua a domande su questo terzo posto ottenuto domenica che non può cancellare la sua due grandi successi al Giro delle Fiandre e alla Parigi-Roubaixgare che preferisce nettamente alla classica delle Ardenne.

Non speravi meglio di questo terzo posto dopo i successi al Giro delle Fiandre e alla Roubaix?
Ma non credevo affatto ad un posto sul podio, anche a cinque chilometri dal traguardo non immaginavo che fosse ancora possibile. Penso che non avrei potuto sognare niente di meglio, nessuno lo dirà altrimenti è stato davvero il miglior risultato possibile per me oggi. Penso che la mia stagione nelle classiche sia stata più che positiva e finire terzo qui è una grande soddisfazione.

Sei stato rallentato da una caduta collettiva dopo 98 chilometri di corsa…
Ero proprio in fondo al gruppo a togliermi gli scaldamuscoli e i guanti quando è avvenuto l'incidente davanti a me. La strada era bloccata, non potevo più passare. Non mi sono lasciato prendere dal panico, sapevo che prima o poi saremmo tornati in testa, ma ci è voluto molto impegno. Dopo il bivio sentivo che le mie gambe erano già un po' stanche. Ma anche con le gambe del Giro delle Fiandre o della Parigi-Roubaix, non credo che avrei potuto recuperare per fare meglio in finale.

READ  Come perdere peso sulle cosce senza sport? 5 consigli che funzionano

La tua prestazione di oggi ti conforta nell'idea che la Liegi-Bastogne-Liegi possa essere anche una corsa per te nonostante un profilo più accidentato e quindi più favorevole agli scalatori?
È una domanda che non mi pongo nemmeno io, siete più voi giornalisti a farvela. Sono una persona abbastanza realistica, so che se Pogacar avrà una buona giornata in questa gara, non potrò mai seguirlo e nemmeno con le mie gambe migliori. Ho solo una cosa da sperare e cioè che un giorno non stia bene, altrimenti sarà sempre difficile vincere qui.

E perdendo peso per competere con gli scalatori? ci hai mai pensato?
È un'opzione, ma preferisco concentrarmi sulle cose che so fare meglio e sulle gare che mi si addicono meglio. Cambiare tutto questo solo per avere la possibilità di vincere a Liegi non sarà certamente una cosa per il prossimo anno.

“Non c’è vergogna nell’ammettere che siamo stati picchiati da persone migliori di noi”

Restare così a lungo sulla breccia, a sei settimane dalla Milano-San Remo, è un'esperienza che si può fare in futuro sapendo che non è garanzia di vincere a Liegi?
È stata una decisione attentamente ponderata quella di far durare il mio picco di forma così a lungo e non vedo perché sarebbe impossibile non farlo di nuovo nei prossimi anni. È una cosa che conosco già quando combatto in inverno sul ciclocross e poi passo su strada, inoltre mi regala lunghi periodi di competizione ad alto livello. L'unico dettaglio che forse ho sottovalutato è stata la decompressione di tutta la squadra dopo Roubaix. Avevamo vinto i primi tre Monumenti, oggi è stato difficile per tutti rimanere così concentrati e motivati ​​per il quarto (Domenica). Non c’è vergogna nell’ammettere che siamo stati battuti da persone migliori di noi. »

READ  L'Athletic Bilbao e Villarreal due a due in campionato



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *