Mattias Skjelmose (Lidl-Trek): “Sono nella migliore forma della mia vita”



“Non riuscivo più a controllarmi. » Mattias Skjelmose lo riconosce: mercoledì ha vissuto l'inferno sulle strade della Freccia Vallone. Stremato dal freddo e dalla pioggia caduta sulle strade della classica belga, il campione danese è stato costretto al ritiro. A 65 km dal traguardo, il leader della Lidl-Trek mette piede a terra, congelato sulla bicicletta e incapace di stare in piedi.

In immagini impressionanti, lo vediamo lasciare la Freccia tra le braccia di un assistente che lo trasporta in un'auto per tenerlo al caldo. “Non mi ero accorto che ero ipotermico in bici, tremavo”disse Rete ciclistica globale.

Alla fine, dei 174 corridori alla partenza, solo 44 hanno tagliato il traguardo in tempo. Ma domenica il tempo dovrebbe essere più mite a Liegi-Bastogne-Liegi. L'opportunità per Skjelmose di vendicarsi.

“Mi vedo sul podio con Tadej (Pogacar) e Mathieu (Van der Poel), ma non conosco ancora l’ordine”

Mattias Skjelmose prima della Liegi-Bastogne-Liegi

Di grande impatto nella Amstel Gold Race, ha concluso al 17° posto, ma le sue ambizioni saranno ben diverse sulla Doyenne. Dopo un 9° posto nel 2023, vuole salire sul podio insieme a Mathieu Van der Poel e Tadej Pogacar. “Mi vedo lì con Tadej e Mathieu, ma non conosco ancora l’ordine”immagina il connazionale di Jakob Fuglsang, che sogna di imitare il suo fratello maggiore dell'Israele-Premier Tech, ultimo danese vincitore a Liegi nel 2019.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *