Maxime Grousset domina i 100 metri, Florent Manaudou sotto i 48''



Florent Manaudou si è preso un po' di tempo per emergere dalle acque dell'Odissea di Chartres questo martedì per la terza giornata dei Campionati francesi. Il marsigliese aveva braccia e gambe pesanti dopo aver vinto la serie dei 100 metri in 47''90, un record personale infranto, la sua prima volta sotto i 48'' dal… 2015! “ Questo era il mio obiettivo dall'anno scorso quando nuotai 48''1, spiegò con un grande sorriso. Penso di non farlo molto bene, passo la curva un po' troppo velocemente e faccio crack agli ottanta metri, ma la prendo. Lo sto facendo per la staffetta mista e mi rende felice dimostrare che sono ancora lì sui 100 metri e questo mi fa sentire bene. A 33 anni, tanto meglio! » Manaudou sarà dato per forfait per la finale di questo pomeriggio.

Nell'ultima serie, Maxime Grousset ha dimostrato di essere il padrone sulla distanza. Più lento di Manaudou a metà gara, il residente dell'Insep è tornato forte vincendo in 47''65 (6a prestazione mondiale dell'anno), nelle acque del suo record (47''42): “ Sono molto felice, sono dei 100 metri molto belli, complimenti. Alla fine sto accelerando ancora un po', vedremo questa sera se riesco ad andare ancora un po' più veloce. So di essere in buona forma e questo sarà l'obiettivo. » Per qualificarsi ai Giochi, Grousset dovrà arrivare tra i primi due della finale e raggiungere il minimo (48''34).

READ  Da Lie così vicino al sogno

Wattel davanti al gruppo

Molto più incerta dovrebbe essere la finale dei 100 metri femminili (minimo olimpico 53''61). Dopo la qualificazione olimpica soffre nei 100 metri farfallaMarie Wattel ha ottenuto il miglior tempo della serie (54''31):  » Le 100 pappe mi hanno tolto tante energie e ho dovuto recuperare, ha ammesso. Ero ancora colpito, ma ho davvero meno peso e voglio solo fare una bella gara. Il momento non è facile ma darò tutto. » Dietro la nuotatrice del CN ​​Marsiglia, è in agguato Charlotte Bonnet (54''35), lei che non è ancora qualificata per i Giochi di Parigi:  » Sapevo che c'era densità e ho fatto il lavoro. Pensavo di andare un po' più veloce ma non era necessario. Penso di avere il tempo di qualificazione nelle gambe, ma ho comunque messo da parte il crawl per due anni e questo potrebbe arrivare a quello stasera. Spero di passare all'individuale o alla staffetta, ma il mio grande obiettivo è venerdì nei 200 metri misti. »

Dopo l'immensa delusione nei 100 dorso (3°), Mary-Ambre Moluh ha dimostrato di avere carattere conquistando il terzo posto (54''85). “ Ho voltato pagina velocemente e ho nuotato bene anche se non mi ero allenato per niente nello stile libero in questa stagione. Ora c'è un posto di ritrovo da trovare. » Già qualificato nei 100 dorsoBéryl Gastaldello non ha forzato (5° in 55''43).

READ  Niente più francesi nei primi 20 della classifica generale del Tour de France



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *