« Mbappé uccide il Barça »: la stampa madrilena elogia l'attaccante dopo l'eliminazione del Barça



Dopo la sua vittoria (3-2) sulla strada per il Parco dei Principi, il Barça ha perso in casa al ritorno (4-1). Una battuta d'arresto innescata dal cartellino rosso di Ronald Araujo al 29' di gioco, colpevole di un fallo su Bradley Barcola che aveva preso il sopravvento sul difensore uruguaiano grazie ad una brusca presa di palla.

Se la colpa del difensore blaugrana sembra evidente, la stampa catalana non è d'accordo. Mondo dello sport parla di a «sospetto di arbitraggio»un cartellino rosso « discutibile » et « mortale », Chi “Ha riesumato un PSG che era partito sulla stessa linea di impotenza dell’andata”. Secondo Sport, “Il cartellino rosso di Araujo ha segnato l'inizio della fine per il Barça. Da lì in poi si giocò un’altra partita: un Barça senza protezioni e un PSG che puzzava di sangue e non aveva pietà”.

« Gli arbitri hanno perso ogni rispetto per il Barça »

E Sport non contesta il rigore concesso al PSG in seguito al fallo di Joao Cancelo su Ousmane Dembélé (61esimo), ritiene che ci sia stato un fallo di Vitinha su Ilkay Gündogan pochi minuti dopo (64esimo). « È ovvio che gli arbitri della UEFA hanno perso ogni rispetto per il Barça negli ultimi tempi », scrivono i media catalani. Lo stima il quotidiano sportivo “Ai blaugrana è mancata l'esperienza per calmare i ritmi della partita dall'inizio del secondo periodo. »

READ  Frenkie de Jong fuori fino a fine stagione col Barça, ma non per l'Europeo

Da parte sua, la stampa madrilena ha concentrato la sua attenzione su Kylian Mbappé, atteso futuro giocatore del Real Madrid. “Mbappé uccide il Barça” titolo COME Quando Marca scegliere “Mbappé divora il Barça”. L'attaccante francese (25 anni) non è stato senza dubbio il miglior giocatore della squadra parigina viste le prestazioni di Vitinha, Dembélé (eletto migliore in campo) o anche Marquinhos, ma i giornalisti del Real Madrid si sono concentrati sulla sua prestazione, che li ha impressionati.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *