Mercato, budget in crescita, grandi Tour e classiche… Le ambizioni di grandezza di FDJ-Suez


È il Tour de France a mettergli le ali? Da quando ha esposto i suoi colori sulle strade della Grande Boucle nel 2022, la squadra FDJ-Suez non ha mai lasciato la testa del gruppo nella gerarchia mondiale (quarta nel 2022, sesta nel 2023, sesta a fine maggio 2024). Quell'anno, la formazione, diretta da Stephen Delcourt, conobbe un'edizione ricca di colpi di scena, tra lo scatto serio della leader Marta Cavalli e questa rimonta vittoriosa di Cecilie Uttrup Ludwig a Épernay. Due eventi che segnano profondamente, ancora oggi, l'anima di questo collettivo.

Ma la FDJ-Suez è forse sul punto di raggiungere una svolta nella sua esistenza, iniziata nel 2006. In attesa della sua conferma, il miglior corridore del mondo Demi Vollering, detentore del titolo al Tour de France, si annuncia più vicino e più vicino a Jaunay-Marigny, sede del servizio corse a Vienne. Due dei tre dirigenti della squadra, Cavalli e Uttrup Ludwig, sono a scadenza di contratto. La terza, Évita Muzic, è stata prorogata fino al 2027 per completarne lo sviluppo, concretizzatosi un po' di più nel corso la sua vittoria nella tappa di montagna alla Vuelta maggio sta iniziando. Personale, budget, partnership… Panoramica delle attuali ambizioni con il suo manager, Stephen Delcourt (38 anni).

Costruzione intorno alla musica

“Evita (Musica), è un forte simbolo della nostra squadra. È arrivata molto giovane (nel 2018). Progredisce ogni anno con grande umiltà. Lei è francese, ma molto a suo agio a livello internazionale. È sempre stata un attore nel nostro sviluppo interno. Il suo allenatore è sempre stato lo stesso (Flavien Soenen). Era il suo direttore sportivo giovanile al VC Morteau (nel 2016-2017). Quindi c'è una vera continuità ed è qui che dà senso ai nostri due presidenti, Stéphane Pallez (Amministratore Delegato della FDJ) e Sabrina Soussan (Amministratore Delegato di Suez). È una francese che non ha paura di brillare a livello internazionale. Évita non è solo il simbolo del ciclismo francese, è il simbolo di un grande campione internazionale, che è francese. Ma l'obiettivo di Évita non è quello di essere il primo Tricolore. Si tratta solo di essere il migliore.

Évita è colei che porta avanti il ​​progetto della squadra oggi e che lo condividerà con gli altri in futuro. Avere più leader è nel DNA della squadra, non ci spaventa. Demi Vollering è una grandissima campionessa. All'età di 27 anni, ha già registrato le gare più importanti nel suo palmares, il Tour de France, le Ardennaises, la Vuelta, la Strade Bianche… Qualsiasi grande ciclista che condivida questa ambizione resterà con noi. Ogni ciclista deve inoltre essere in grado di aderire al progetto umano ed etico della squadra. Ed è qui che può esserci una sfumatura. Qualcuno che va d'accordo con Évita si adatterà alle ambizioni della squadra.

READ  Lewis Hamilton brilla nelle prove libere 3 del GP del Canada

Non mi piace parlare di prestazione per Marta (Cavalli). È stata vittima di un grave incidente durante il Tour 2022 (commozione cerebrale e distacco della retina). Ventidue mesi dopo, ha ancora i postumi. Spero che ritorni ai suoi migliori livelli. Alterna ancora alti e bassi (partendo a sud della Vuelta). Ho solo una priorità: essere il miglior supporto per lei. Cecilie (Esclama Ludwig) ha avuto anche un inizio di stagione complicato (caduta a Het Nieuwsblad, con frattura del sacro). È tornata alle competizioni in Spagna. Ora, l’obiettivo è riconquistare il suo status di top 10 al mondo entro metà giugno. E che arriva in ottima forma per i suoi obiettivi quest'estate: le Olimpiadi, il Tour de France e i Mondiali di Zurigo.

“È inimmaginabile per me vedere Grace Brown indossare un’altra maglia”

(Sulla sua possibile partenza per SD-Worx) Non possiamo trattenere i ciclisti ad ogni costo. Se hanno offerte più alte di quello che posso offrire io mi vieto di giudicarli perché la loro carriera è breve. (…) Adornare (Brown, anche lui in scadenza di contratto) ha il suo destino in mano. Se vorrà continuare, continuerà con noi e spero che riusciremo a trovare un accordo. Se vuole prendere una decisione inseguendo il suo sogno, ovvero diventare campionessa del mondo e campionessa olimpica (in particolare contro il tempo, la sua disciplina preferita), aspetteremo. In ogni caso è inimmaginabile per me vederla indossare un altro costume da bagno (ride). »

Vinci i tre tour principali entro cinque anni

“Per il Tour de France quest’estate (12-18 agosto), dipenderà dall'ascesa al potere di Cecilie. Ma Évita è sempre stata nella nostra mente la leader o uno dei nostri due leader. L'anno scorso ha subito un infortunio (al perineo) con grande tristezza. Aveva lasciato il palco del Tourmalet. Quest'anno sarà molto motivata dalla tappa dell'Alpe d'Huez, che è il passo leggendario del nostro sport, e che è anche il passo più vicino a casa sua. (vive a Isère, vicino a Grenoble).

READ  La FFA rinvia la sua selezione per le Olimpiadi a causa di potenziali violazioni dei suoi obblighi di localizzare il maratoneta Mehdi Frère

La squadra vuole vincere nei prossimi cinque anni i tre grandi Tour e le sei grandi classiche, che io chiamo Monumenti. Il nostro progetto è ambizioso. Abbiamo avuto un primo ciclo tra il 2020 e il 2023 che è stato quello di ambientamento nel World Tour, con un aumento del numero di vittorie (da 3 nel 2020 a 19 nel 2023). Ora ci stiamo avvicinando al ciclo 2024-2028 fissandoci scadenze ultra ambiziose per il World Tour. Non ci diamo limiti. Vogliamo spuntare le gare più grandi. »

Estendere FDJ e Suez fino al 2028

“Siamo in trattative molto avanzate con FDJ e Suez per portare avanti il ​​loro attuale impegno oltre il 2025. La tendenza è molto buona. I tempi della formalizzazione saranno i miei. Che sia durante le Olimpiadi o prima del Tour de France… seguo i miei due presidenti con gli occhi chiusi. Abbiamo richieste da parte di marchi esterni per il nome della squadra, ma privilegiamo sempre FDJ e Suez perché ci hanno dato fiducia in un momento chiave. Oggi ci sostengono per realizzare le nostre ambizioni.

“L’obiettivo è puntare a un aumento del budget tra il 15 e il 20% ogni anno fino al 2028”

Il nostro budget è di 4 milioni di euro, ma penso che sarà più alto delle mie proiezioni di inizio anno perché i costi sono esplosi. Le gare si susseguono sempre di più, i viaggi si susseguono uno dopo l'altro. L'inflazione è enorme: treni, alberghi, ristoranti… L'unico oggetto che non esplode è la benzina, come avveniva l'anno scorso. Quest'anno abbiamo organizzato dei campi di allenamento in quota (al vulcano Teide)stiamo sviluppando test aerodinamici in galleria del vento (al velodromo di Manchester, Gand o Roubaix)… Soddisfare queste esigenze richiederà una crescita significativa in futuro. L’obiettivo è puntare a un aumento del budget tra il 15 e il 20% ogni anno fino al 2028. Il nostro budget è già quadruplicato in cinque anni. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *