Mikel Merino (Spagna) festeggia la stessa festa di suo padre a Stoccarda nel 1991 con l’Osasuna



Avremmo voluto vedere Marcus Thuram in ginocchio, statico, con la mano sinistra immobile all’altezza della bocca, per mostrare la sua incredulità come marcatore venerdì contro il Portogallo… Forse sarà in semifinale, come suo padre Lilian durante la partita del 1998. Mondiale contro la Croazia… In semifinale, infatti, martedì incontrerà un altro “figlio di”: Mikel Merino, l’uomo provvidenziale della Spagna negli ultimi istanti dei quarti di finale degli Europei contro la Germania (2-1), venerdì.

Il centrocampista della Real Sociedad ha festeggiato il suo gol come fece suo padre Angel Miguel nel 1991 con l’Osasuna nello stesso stadio di Stoccarda in Coppa dei Campioni. “Il gol della vittoria al 119esimo minuto è qualcosa che ricorderò per sempre. Del resto è in questo stadio che ho esordito in Nazionale, è in questo stesso stadio che mio padre ha segnato un gol e questo chiude, per così dire, un ciclo che mi rende molto felice”.ha dichiarato il giocatore dopo l’incontro.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *