Misteriosa anomalia sotterranea scoperta vicino alle piramidi di Giza


Gli archeologi hanno recentemente fatto un'interessante scoperta nel sito di un antico cimitero egiziano situato vicino al famoso complesso piramidale di Giza. Questa scoperta, una misteriosa anomalia sotterranea, è stata portata alla luce attraverso indagini condotte con tecniche geofisiche avanzate, tra cui il georadar (GPR) e la tomografia di resistività elettrica (ERT). Questi metodi hanno permesso di rilevare potenziali strutture sepolte sotto la superficie, aprendo la strada a nuove esplorazioni archeologiche.

I nuovi strumenti essenziali dell'archeologia

I metodi di esplorazione geofisica, come il georadar (GPR), le indagini di resistività elettrica e le indagini magnetiche, sono strumenti cruciali negli studi archeologici. Permettono di rilevare anomalie archeologiche sepolte sotto la superficie ancor prima dell'inizio degli scavi, il che facilita così la localizzazione di siti archeologici noti e sconosciuti e contribuisce alla loro conservazione.

Questi metodi sono in continua evoluzione. Ad esempio, il GPR è stato utilizzato sin dagli anni ’80, ma le tecniche di rilevamento sono migliorate nel tempo. Inizialmente i rilievi venivano effettuati lungo una linea retta, ma oggi sono comuni i rilievi bidimensionali e tridimensionali. Inoltre, l'integrazione dei sistemi di posizionamento satellitare consente di ottenere immagini 3D precise, che facilitano l'interpretazione dei dati.

In Egitto, dove esistono molti importanti siti archeologici, queste tecniche sono particolarmente utili. Ad esempio, nella regione di Giza, gli studi hanno rivelato strutture sotterranee attorno alle piramidi e al sfinge. Queste scoperte sono state fatte utilizzando tecniche come la resistività elettrica e il GPR.

Una scoperta intrigante

IL Cimitero occidentale di Giza, noto come importante luogo di sepoltura degli antichi reali egiziani, è stato oggetto di più recenti esplorazioni geofisiche. Situata a ovest della Grande Piramide, ospita numerose mastabe, tombe sotterranee tipiche dell'antico Egitto. Si tratta di strutture rettangolari con tetto piatto, costruite in pietra calcarea o mattoni di fango, con una camera sotterranea collegata a un pozzo verticale.

READ  È stata identificata la prima patria dell'Homo Sapiens al di fuori dell'Africa

Sebbene la maggior parte di questi siti siano sepolti sotto la sabbia, i metodi di esplorazione geofisica consentono di localizzare la loro posizione esatta dalla superficie. La squadra di ricerca ha concentrato i propri sforzi su un'area pianeggiante e libera del cimitero dove in precedenza non erano state individuate strutture aeree.

Anomalia delle piramidi di Giza
Crediti: Prospezione Archeologica

Queste indagini, condotte da un team comprendente esperti dell'Università Internazionale Higashi Nippon e dell'Università di Tohoku, in Giappone, nonché dell'Istituto Nazionale di Ricerca di Astronomia e Geofisica (NRIAG) in Egitto, hanno infine rivelato un'anomalia significativa che suggerisce la presenza di corpi celesti precedentemente sconosciuti. strutture archeologiche. Più precisamente, menzionano gli archeologi una struttura poco profonda a forma di L situata ad una profondità massima di circa due metri e un struttura più profonda con una superficie di circa dieci per dieci metri che si estende per circa dieci metri sotto la superficie.

Secondo loro, la struttura poco profonda potrebbe essere servita da ingresso alla struttura più profonda. La natura di quest'ultima è ancora indeterminata, ma i ricercatori ritengono che potrebbe trattarsi di un'antica tomba. Saranno però necessari ulteriori scavi per confermare questa ipotesi e per determinare l’esatta natura di ciò che si trova sotto la superficie.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Prospezione archeologica.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *