Monaco ha pagato il saldo della sua “tassa sul lusso” sui salari



Pesava l’ombra di possibili sanzioni, che andavano dalla semplice multa al rifiuto di partecipare al Campionato francese Monaco dal suo recente titolo di campione di Francia. Il club del Principato ha pagato in ritardo la “tassa sul lusso” predisposta dalla National Basketball League (LNB) per detrarre le sue consistenti buste paga. Il dubbio è stato fugato in questi giorni, come ci hanno confermato entrambe le parti. La scadenza del 30 giugno è stata finalmente rispettata – alla sirena – con un bonifico inviato venerdì scorso per il pagamento delle somme ancora dovute alla LNB (950.000 euro, secondo le nostre informazioni).

Una somma donata ad altri club Betclic Élite

La “tassa sul lusso” è stata istituita dalla LNB e fissata a 1,25 milioni di euro (importo rivalutato ogni stagione in base alle buste paga dell’anno precedente) per compensare le differenze di regimi fiscali e questioni sociali tra il Principato club e le sue controparti francesi nel campionato. Si tratta di un meccanismo di compensazione ispirato alla NBA (viene applicata una tassa quando una squadra supera il tetto salariale stabilito ogni anno), frutto di un calcolo basato sulla busta paga annuale. Una volta pagata, la “tassa sul lusso” viene poi distribuita tra gli altri 17 club d’élite (15 la prossima stagione) e la LNB in ​​maniera equa.

READ  LeBron James declina la sua “player option”, ma dovrebbe restare ai Lakers

Monaco spera ancora, a lungo termine, in una revisione, o almeno in un allentamento di questo obbligo, la cui istituzione non ha mai digerito. L’ASM aveva combattuto la sua legittimità nel 2022 dopo che Alexey Fedorychev, capo della FedCom e presidente del club, aveva preso il potere, prima di accettarlo con riluttanza dopo, tra le altre cose, un fallimento con il Tribunale amministrativo. “Ci aspettiamo maggiore flessibilità e comprensione da parte della Lega per sostenere il nostro viaggio e continuare a competere ai massimi livelli in Europa” Oleksiy Yefimov, direttore esecutivo dell’ASM, ha detto su queste colonne tre settimane fa.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *