Mouhamadou Fall invoca la contaminazione davanti alla commissione per le sanzioni dell'AFLD



Pantaloni scuri su camicia bianca, Mouhamadou Fall stava bene questo mercoledì quando è arrivato alla sede dell'Agenzia francese antidoping (AFLD), rue Auber a Parigi. Accompagnato dai suoi avvocati Christophe Ayela e Vincent Champetier (era presente in video anche il maestro Romain Vanni), il quattro volte campione francese dei 100 metri conosce il posto giusto essendosi presentato lì all'inizio dello scorso luglio per difendersi nell’ambito di tre violazioni dei suoi obblighi di localizzazione.

Ne aveva anche un buon ricordo da quando la commissione sanzioni dell'AFLD (organismo indipendente) aveva posto rimedio a una delle violazioniconsentendogli di riprendere il corso della sua carriera anche se all'epoca versava già due anni di sospensione (l'AFLD ha presentato ricorso al Consiglio di Stato, la cui udienza non si è ancora tenuta).

“Un respiro”come dichiarò all'epoca, di breve durata poiché appena un mese dopo (28 luglio), il nazionale francese è risultato positivo durante i Campionati francesi di Albi dove vinse i 100 metri e si classificò secondo nei 200 metri. In questione l'Eptaminolo, uno stimolante classificato nella categoria S6 della lista proibita dell'Agenzia mondiale antidoping (WADA), una sostanza specificata, vietata solo nelle competizioni.

Informato dall'AFLD, Fall ha inizialmente rifiutato l'accordo di concordato amministrativo di due anni di sospensione proposto dall'Agenzia, per poi ritrovarsi questo mercoledì davanti alla Commissione delle Sanzioni, dove la sua carriera potrebbe finire, secondo i suoi avvocati. “Tutto fa molto maleha detto Fall durante la sua visita. Mi ha davvero scioccato e ho pensato che fosse una specie di trappola. Con tutte le precauzioni che ho preso per me stesso era impossibile trovarmi in questo tipo di situazione. »

« Stordito » a causa del suo controllo antidoping, il francese si è poi rivolto al tossicologo Jean-Claude Alvarez per capire come avrebbe potuto risultare positivo ad un prodotto su cui insisteva “mai preso”. Professor Alvarez, la cui popolarità ha continuato a crescere dai tempi di Simona Halep ha potuto vedere la sua sanzione ridotta in modo significativo in seguito alle sue analisi, ha quindi studiato il caso ed è riuscito a risalire alla contaminazione secondo la sua relazione che ha presentato alla Commissione delle Sanzioni in videoconferenza.

READ  Novak Djokovic batte Lorenzo Musetti e avanza ai quarti a Monte-Carlo

“Abbiamo analizzato i peli pubici dell'atleta (nessun capello al momento dell'analisi nel dicembre 2023) che hanno le stesse caratteristichespiega Alvarez. È stata trovata una piccola quantità di eptaminolo. Abbiamo poi analizzato i diversi integratori alimentari che l'atleta stava assumendo al momento del controllo. (6 prodotti diversi) e tracce di octodrine sono state trovate in uno degli integratori, sapendo che l'eptaminolo è un metabolita dell'octodrine. »

Fedele al suo metodo, Alvarez ha poi ritestato un'altra scatola del prodotto incriminato e ha riscontrato dosi equivalenti di contaminazione, prima di eseguire un protocollo di assunzione del prodotto da parte di un testimone volontario per riprodurre il circuito dell'integratore alimentare e ancora una volta il risultato è risultato. essere positivo. “Ciò dimostra che quando prendi questo integratore alimentare rimani positivo nelle urine e nei capelli”ha concluso il professore, ricordandolo “Il 30% degli integratori alimentari sono contaminati” secondo uno studio recente.

“Ho dedicato la mia vita, sacrificato molte cose per mettere le mie possibilità dalla mia parte nell’atletica e mi ritrovo in questo tipo di problema. Mi sento come se tutto mi cadesse addosso. Chiedo totale indulgenza e di tenere conto del fatto che sono stato vigile su tutto questo.

Una perizia che non è stata messa in discussione dall'AFLD poiché Antoine Marcelaud, direttore degli affari giuridici dell'agenzia, ha indicato “non mettere in discussione le conclusioni del dottor Alvarez né la sua relazione”.

In realtà il dibattito si è giocato e si giocherà sulla quantificazione della colpa e della negligenza riconosciuta o meno dall'atleta. Quest'ultimo indica avere  » controllato «  tutti gli integratori alimentari che ha assunto informandosi sul sito dei fornitori. Per il prodotto incriminato ha fornito documenti comprovanti effettivamente che la presenza dell'octodrina non era menzionata né sulla confezione né sull'elenco dei componenti presente su internet.

READ  Ottimo primo turno per Matthieu Pavon al Masters di Augusta con un cartellino da 70 (-2)

Dal lato dell'AFLD, Marcelaud ha indicato che esiste “assenza di colpa e negligenza significativa da parte dell’atleta”chiedendo “una sospensione di 15 mesi”meno dei 24 mesi iniziali, rammaricandosi tuttavia che l'atleta avrebbe dovuto essere più attento, soprattutto nell'acquistare un integratore su Internet (anche se quest'ultimo gli è stato consigliato dal suo sponsor che è un distributore di integratori alimentari in Francia) dove gli annunci indicati “potente stimolante, energia incessante, resistenza estrema”.

Da parte loro, gli avvocati del velocista hanno insistito affinché l'atleta « Non aveva modo di sapere che stava assumendo un integratore alimentare contaminato e trovare difetti in questo caso non ha senso. »

Il rischio di perdere le Olimpiadi

Rientrato in Francia solo per l'udienza (vive e si allena a El Paso, negli Stati Uniti), Fall attende ora la decisione della commissione delle sanzioni che dovrebbe pronunciarsi in base a “due o tre settimane”. La sospensione, a partire dalla data dell'annuncio di quest'ultimo, vedrebbe annientate quasi tutte le sue possibilità di partecipare alle Olimpiadi se venisse sospeso, anche per pochi mesi. Per questo lo hanno chiesto i suoi avvocati “un semplice avvertimento per un atleta che non si è dopato”hanno insistito.

Ultimo a parlare, Fall concluse con queste parole: “Ho dedicato la mia vita, sacrificato molte cose per mettere le mie possibilità dalla mia parte nell’atletica e mi ritrovo in questo tipo di problema. Mi sento come se tutto mi cadesse addosso. Chiedo totale indulgenza e di tenere conto del fatto che sono stato vigile su tutto questo. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *