Muore l'allenatore di pattinaggio artistico Frank Carroll



Frank Carroll ha lottato fino alla fine, come tutti i suoi prestigiosi pattinatori sul ghiaccio. Ma, all'età di 85 anni, il cancro ha avuto la meglio sull'illustre allenatore americano, morto domenica a Palm Springs (California). Frank Carroll era una personalità rara nel mondo del pattinaggio artistico e un tecnico eccezionale.

Ovviamente rimane il mentore di Michelle Kwan, cinque volte campione del mondo tra il 1996 e il 2003. E quest'uomo affascinante, con un discorso garbato e di grande impatto. Poco prima dei Giochi Olimpici del 1998, Kwan decise di allenarsi da sola e vinse solo la medaglia d'argento a Nagano, prima di tornare da Frank Carroll. Lui, in conferenza stampa, si è poi chiesto cosa avrebbe dovuto fare per essere un allenatore migliore. Un giornalista allora gli chiese: « Che risposta hai trovato? » » La voce era corsa: “Una lobotomia. Per entrambi. Optiamo per una tariffa di gruppo. »

Da destra alle piste di pattinaggio

Tra i suoi studenti, citeremo anche Linda Fratianne, due volte campionessa del mondo nel 1977 e nel 1979, Timothy Goebel, il primo uomo a eseguire un quadruplo salchow nel 1998, o Evan Lysacek, campione olimpico nel 2010. Ma la carriera di Frank Carroll è costruita soprattutto dopo una tragedia che ha scosso il pattinaggio americano. Era stato per lungo tempo assistente di Maribel Vinson Owen e stava pensando di studiare legge quando nel 1961 morirono 72 persone in un incidente aereo.

READ  Quello che c'è da sapere sulla corsa all'Europa prima della 34esima giornata di Ligue 1

Tra loro, 34 erano membri della squadra statunitense diretta a Praga e ai Mondiali del 1961 (alla fine cancellati e rinviati all'anno successivo), tra cui Maribel Vinson Owen e le sue due figlie. Frank Carroll dimenticò istintivamente il suo desiderio di diventare avvocato. Ha fatto numerose apparizioni in « terribile serie B »ha accettato ridendo delle sue performance di attore, ma soprattutto ha iniziato ad allenare tutti i pomeriggi, trovando lì la vocazione di una vita fino al suo ritiro nel 2018.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *