Namnata Traoré, giocatrice dell'US Orléans: « Il presidente non ci ha rispettato come atleti »



“Che cosa è successo con Cyril Courtin, il tuo nuovo presidente?
Un club come l'US Orléans ha giocato in D1 e D2, è duraturo. Egli arriva da fuori e butta tutto nella spazzatura. Il presidente è un nuovo investitore, è passato un mese da quando è entrato in carica. Quando ha preso in mano la società, un mese fa, non ha mai parlato della sezione femminile nelle sue interviste, non lo abbiamo incontrato, non si è presentato a noi. La prima volta che lo abbiamo incontrato è stato tre giorni fa, quando ci ha detto che avrebbe voluto iscrivere la squadra femminile di D2 in D3. Secondo le regole, non possiamo farlo. O veniamo retrocesse in R1 o R2, oppure ci registriamo nella D2 femminile. Fu allora che ci rendemmo conto che questo signore non sapeva nulla di calcio femminile. Non ha chiesto informazioni agli allenatori o ai membri dell'associazione.

Non necessariamente lo voleva fermare la sezione femminile ?
Infatti ci dice che costiamo troppo alla federazione e che il budget che ha lo investirà per portare la N1 in Ligue 2.

Quanto costa al club?
Non ho il controllo sul budget, ma da quello che sento è qualcosa come 180.000 euro. Siamo uno dei budget più ridotti della D2 femminile e abbiamo resistito sportivamente a due giornate dalla fine. Il campionato è durissimo oggi (questa domenica) l'ultima giornata è disputata e i club stanno ancora lottando per la sopravvivenza in D2. Il lavoro è stato completato. Ci ha detto che non voleva investire nella sezione femminile ma non ci ha detto francamente che la sospendeva. Ma in realtà è quello che fa. È molto intelligente non iscrivere la nostra squadra nella D2 femminile, equivarrebbe a retrocederla in R2. Ci dice che non è in grado di seguire le nuove specifiche. Vuole fare ciò che è stato fatto a Nancy qualche anno fa, quando furono retrocessi al livello regionale. Dov'è Nancy oggi?

READ  Amélie Oudéa-Castéra non si candiderà alle elezioni legislative

“Ci ha incontrato tre giorni fa, non avevo mai visto il suo volto anche se è qui da un mese. Non è nemmeno venuto da solo, siamo stati noi a richiedere il colloquio”

Namnata Traoré, sul nuovo presidente degli Stati Uniti Orléans

Come hanno vissuto l'intervista i giocatori?
Ti dico la verità: era lunare. Nel modo in cui si comporta, nelle sue parole, nella sua mancanza di rispetto. Peso le mie parole. Non ci rispettava come atleti. È il lavoro di una stagione intera, degli anni precedenti che butti nella spazzatura. Non ci rispettava come donne perché eravamo il suo primo bersaglio nell'associazione. Quando guardiamo i suoi interventi nei media, non parla mai di donne. Eravamo un bersaglio. Penso che si aspettasse che scendessimo. Sarebbe stato più semplice per lui limitare il budget. Ci ha incontrato tre giorni fa, non avevo mai visto il suo volto anche se è lì da un mese. Non è nemmeno venuto da solo, siamo stati noi a chiedere un colloquio con lui.

Quante ragazze ci sono nella squadra D2?
Siamo in 22. Ci sono 22 giocatori in campo. E' il nostro lavoro. Ecco, ci dice che con un giorno alla fine chiamate i vostri proprietari, date il preavviso perché la prossima stagione non ci sarà nulla ad accogliervi in ​​D2. Sono i nostri progetti professionali che sta mettendo in attesa. Le nostre vite non sono più le stesse, le nostre vacanze non le trascorreremo più allo stesso modo. Dovremo cercare un club. Va ancora oltre. Le nostre U18 oggi si giocano la promozione in nazionale U19. Se passano è come se lavorassero per niente. Non potranno accedere alle Nazionali U19 se la prima squadra gioca in R1. Era così lunare che non sapeva che i nostri bambini stavano giocando alla scalata.

Come vedono il futuro i giocatori?
Se non giochiamo in D2, la maggior parte delle ragazze se ne andrà. Non so quando ci sistemeremo. È una confusione totale. Medialmente le cose si muovono, ma lui resta fermo sulle sue posizioni. Questi sono i nostri lavori, in R1 non sei pagato. Sono 22 i giocatori disoccupati. Vogliamo evidenziare quanto sta accadendo. Non siamo l’unico club in questa situazione. Con le specifiche, le nuove regole, molti club faranno marcia indietro. È una passione, certo, ma resta una professione. Ciò significa che ci toglie il pane di bocca.

READ  Austria con 26 giocatori per l'Europeo, senza Lawal e senza Ballo

Questa storia ha suscitato molto scalpore. La ministra dello Sport Amélie Oudéa-Castéra, ad esempio, ha giudicato che ciò che sta accadendo al settore femminile è “ disastroso « . Sperate che il presidente ribalti la sua decisione?
Spero. Il progetto di tutti era quello di mantenersi e perpetuarsi in D2. Sarebbe una grande vittoria se invertisse la rotta. Se il Ministro dello Sport potrà parlare, farà ancora più rumore e dimostrerà che non possiamo fare nulla.

Hai sentito il FFF?
L'UNFP ha rilasciato alcune dichiarazioni. Non necessariamente ho notizie dalla FFF, forse l'allenatore e i suoi assistenti sì, ma non noi giocatori. Per noi il campo d’azione è ristretto. Oggi è l'ultima giornata di campionato (questa domenica), Cosa vuoi che facciamo? C’è stata un’ondata di solidarietà in D1 e D2. Ma le principali autorità devono farsi avanti. Le sue decisioni sono già prese. Da quando abbiamo imparato questo, ci siamo chiesti cosa diventeranno le nostre vite. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *