Ngapeth, Renard, Oumiha… I candidati portabandiera alle Olimpiadi di Parigi 2024



Ce ne sono quattordici per due posti. Il Comitato Nazionale Olimpico e Sportivo Francese (CNOSF) ha presentato giovedì l'elenco dei candidati per l'ambito ruolo di portabandiera della cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Parigi, il 26 luglio, sulla Senna.

Frutto di un lungo processo, in cui gli atleti volontari hanno dovuto presentare domanda alla propria federazione, sono quattordici quelli che possono succedere a Clarisse Agbégnénou e Samir Aït Saïd, che hanno guidato la delegazione francese ai Giochi di Tokyo 2021.

Un voto in due giorni

I fortunati vincitori (un uomo e una donna) saranno eletti dagli atleti qualificati per i Giochi a seguito di un processo democratico elettronico che si terrà dal 9 luglio alle 8:00 fino al 10 luglio alle 20:00, e il risultato sarà rivelato a luglio. 12. Nel caso in cui due atleti della stessa federazione arrivino primi, verrà scelto quello che avrà più voti.

Alcuni nomi erano attesi, non c'è da stupirsi nel vedere in questa lista Florent Manaudou (nuoto), Earvin Ngapeth (pallavolo) o Mélina Robert-Michon (atletica) e Wendie Renard (calcio). Invece, è più sorprendente vedere Jean-Baptiste Bernaz (vela) o Pauline Ranvier (scherma). Charlotte Bonnet (nuoto), Romane Dicko (judo), Laetitia Guapo (basket), Camille Lecointre (vela), Estelle Mossely (pugilato) le accompagnano tra le donne, con Renaud Lavillenie (atletica), Enzo Lefort (scherma) e Sofiane Oumiha (boxe) per gli uomini.

READ  Léon Marchand riesce nella sua scommessa ai Campionati francesi: 2 titoli e 2 qualificazioni in un'ora

La formalizzazione della lista dei candidati mette fine a lunghi mesi di trattative e polemiche, in particolare sui criteri di designazione dei candidati, che sono stati ampiamente commentati. La judoka Clarisse Agbégnénou (judo) si è rammaricata particolarmente del fatto che coloro che avevano già portato la bandiera non potessero farlo di nuovo a casa. Altro criterio controverso, i candidati devono aver già partecipato all'evento olimpico, escludendo quindi Antoine Dupont (rugby 7), Victor Wembanyama (basket) o addirittura Félix Lebrun (tennis tavolo).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *