non così raro come potresti pensare


Quando un organismo vivente muore, non tutte le sue parti sono necessariamente adatte alla fossilizzazione. Se ossa, ossa, denti o anche squame riescono a sopravvivere all'usura del tempo, lo stesso non si può dire dei tessuti molli che, a meno che non si trovino intrappolati nel ghiaccio, nelle torbiere (condizioni anaerobiche, con poco ossigeno) o nell'ambra, si decompongono molto rapidamente dopo la morte. Si pensava che tra tutti gli organi umani il cervello decadesse più velocemente. Inoltre, i reperti fossili riguardanti questo organo sono spesso considerati estremamente rari e particolarmente insoliti dai paleobiologi. Eppure uno studio completo condotto dall’Università di Oxford su oltre 4.000 cervelli antichi incredibilmente ben conservati dimostra che questo non è un fenomeno così unico come si pensava in precedenza.

Uno studio su cervelli antichi in buono stato di conservazione

Fu mentre lavorava nelle pompe funebri che la dottoressa Alexandra Morton-Hayward, la principale autrice di questi lavori riportato il 20 marzo in Proceedings of the Royal Society B, cominciò ad interessarsi alla questione della preservazione del cervello. Anche se questo organo è noto per esserlo il primo a decomporsi post mortem, notò infatti che se talvolta poteva liquefarsi velocemente, capitava anche che alla fine si conservasse piuttosto bene. Molti ricercatori avevano già attirato l’attenzione della comunità scientifica su questo fatto in buone condizioni, la conservazione in buone condizioni era del tutto possibile.

cervello antico cervelli fossili ben conservati
La ricercatrice Alexandra Morton-Hayward esamina un cervello vecchio di mille anni. Crediti: Graham Poulter

Nell'ambito del loro studio, il più completo nel suo genere, i ricercatori di Oxford hanno deciso di compilare e rivedere 4.400 cervelli umani ben conservati provenienti da 213 fonti diverse per studiare in modo più metodico il fenomeno della conservazione con un database quanto più esaustivo possibile. Hanno potuto lavorare cervelli di tutti i continenti (eccetto l'Antartide), dai reperti fossili degli esploratori del Polo Nord ai soldati della guerra civile spagnola alle vittime dei sacrifici Inca. Il più antico aveva 12.000 anni .

READ  Come SpaceX rifornirà i suoi veicoli spaziali in orbita

Come spiega la professoressa Erin Saupe, coautrice dello studio che lavora presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Oxford, questo lavoro “ enfatizzare la gamma di ambienti in cui possono essere conservatidall'Alto Artico agli aridi deserti. »

Diverse condizioni di conservazione e aspetto diverso

A seconda delle condizioni di conservazione, i cervelli analizzati sono stati preservati grazie a disidratazione dei tessuti, congelamento, saponificazione (mediante il quale i grassi vengono trasformati in adipocira (o grasso cadavere)), abbronzatura o attraverso l'intervento umano. Questi organi possono quindi apparire in diversi colori e aspetti, oscillante tra il secco e friabile, e il più morbido, spugnoso, simile al tofu.

1.300 cervelli antichi tra quelli studiati hanno stupito i ricercatori

Nel caso di processi noti come i corpi Inca liofilizzati del 1450 d.C. a.C., i cadaveri conciati di 2.400 anni fa rinvenuti in Danimarca o le vittime saponificate della guerra civile spagnola, tutti o quasi i tessuti molli sono preservati (muscoli, viscere, altri organi o anche pelle), e non solo il cervello.

Qui, più di 1.300 cervelli si sono distinti perché erano stati preservati mentre erano trovati solo all'interno di resti scheletrici. In questi cadaveri, trovati in tombe sommerse o in relitti sommersi, le ossa galleggiavano e il cervello era l'unico tessuto molle rimasto. Tuttavia, i ricercatori semplicemente non se lo aspettavano trovare il minimo tessuto molle in un ambiente fradicio. « E' molto, molto strano “, si chiede il dottor Morton-Hayward.

cervello antico cervelli fossili ben conservati
Più di 40 cervelli come questo sono stati rinvenuti sul terreno della Prima Chiesa Battista di Filadelfia fondata nel 1698 in Pennsylvania (Stati Uniti). Il sito fu allagato alla fine del XVIII secolo, consentendo così la conservazione di questi organi in buone condizioni. Crediti: Alexandra Morton-Hayward et al./Atti della Royal Society B, 2024

Perché è sopravvissuto questo organo e non gli altri?

Molto intriganti sono i casi dei 1.300 cervelli conservati quando il corpo non era altro che uno scheletro. Tuttavia, i ricercatori avanzano alcune ipotesi e possibili spiegazioni. Là presenza di ferro potrebbe in particolare agire da catalizzatore permettendo la formazione di legami tra proteine ​​e lipidi, che potrebbero poi formano molecole molto stabili e resistenti alla degradazione. In questo caso, la natura delle proteine ​​e dei lipidi nel cervello e la loro proporzione potrebbero essere un elemento chiave.

READ  La Cina pubblica la mappa lunare più dettagliata di sempre

« Lasciamo stare queste circostanze ambientali o legati alla biochimica unica del cervello sarà oggetto del nostro lavoro futuro. (…) Troviamo numeri e tipi incredibili di biomolecole conservate in questi cervelli archeologici ed è emozionante scoprire quanto possono dirci sulla vita e sulla morte dei nostri antenati. »

cervelli antichi pezzi di cervello antico ben conservato
Frammenti di cervello di 200 anni fa provenienti da un cimitero di Bristol, nel Regno Unito. Questo è uno dei cervelli trovati su resti senza altri tessuti molli. Era in una tomba molto fradicia. Crediti: Alexandra Morton-Hayward et al./Atti della Royal Society B, 2024

Dati importanti per gli scavi futuri

Oltre a queste interazioni molecolari che restano da studiare, questo studio fornisce importanti informazioni per gli scavi futuri. In effetti, i cervelli preservati possono farlo hanno lo stesso colore del terreno circostante. Gli archeologi rischiano quindi di sbarazzarsene inavvertitamente. Grazie a questo studio i ricercatori potranno prestarvi maggiore attenzione in futuro.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *