Novak Djokovic, qualificato per i quarti di finale del Monte-Carlo Masters 1000: “È stato molto fisico”



“Contro Lorenzo Musetti sei andato a rete trenta volte (7-5, 6-3). È questa un'indicazione di cosa vuoi fare di più su questa superficie?
Non mi sentivo di andare a rete tante volte, ma era necessario cercare di essere il più aggressivo possibile contro un giocatore come Musetti, che è molto bravo in difesa. È stato il miglior giocatore per otto partite. Poi sul 4-3 la partita cambiò. Ho avuto davvero una buona interazione con il pubblico (quando gli venne fischiato), e da quel momento in poi forse ha perso un po' la concentrazione, ha commesso qualche errore non forzato e lo slancio è cambiato. Sento che da quel momento in poi ho giocato meglio e sono riuscito a mettere insieme il tipo di gioco che volevo davvero tatticamente. Ma è stato molto fisico. Anch'io ho avuto qualche problema in campo. Ma mi piace il modo in cui gioco rispetto allo scorso anno. Penso che sto giocando meglio.

“Se le persone iniziano a reagire in un modo che non penso meritino, che non penso sia giusto e se non penso che sia “spiegabile”, allora reagirò. »

Dici che avevi qualche problema fisico. Ti abbiamo visto tremare in panchina. Niente di importante ?
In certi momenti della partita non mi sono sentito molto bene fisicamente. Ma questo fa parte anche del processo delle prime partite sulla terra battuta. Quando giochi contro uno forte come Musetti può succedere che soffri e devi trovare una via d'uscita. L'ho fatto con successo. Questo è ciò che conta di più. Sto già sentendo bene in campo in questi ultimi giorni.

READ  Valériane Ayayi prima di Villeneuve-d’Ascq – Praga: “Sono felice della mia piccola vita tranquilla”

Hai appena menzionato quella che chiami « interazione » con il pubblico. Spesso si vince dopo…
Cerco di trasformare l'energia in qualcosa di costruttivo per me. Non cerco problemi con la folla. Sai, non sono qui per dire: « Va bene, inizia a fischiettarmi e giocherò meglio. » Non è il tipo di mentalità che ho. Ma se le persone cominciano a reagire in un modo che non credo meritino, che non penso sia giusto e che non penso sia “spiegabile”, allora reagirò. Sono cresciuto con questa mentalità secondo cui se qualcuno ti ferisce, tu reagisci.

Ti permette di essere più concentrato?
Dipende. A volte più concentrato, a volte più rilassato. Ecco, è successo al momento giusto. È una di quelle cose che in qualche modo ti rilassa. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *