Oleg Kononenko diventa la prima persona a trascorrere 1.000 giorni nello spazio


Il 5 giugno il cosmonauta russo Oleg Kononenko ha compiuto un’impresa storica diventando il primo essere umano a trascorrere 1.000 giorni in orbita attorno alla Terra. Questa straordinaria prestazione corona una carriera eccezionale per Kononenko che l'aveva già fatta ha superato il precedente record di soggiorno spaziale tenuto dal suo connazionale Gennady Padalka a febbraio. Battendo questo record, Kononenko ha già dimostrato un impegno e una resistenza eccezionali nel campo dell'esplorazione spaziale.

Un nuovo record

Questo traguardo straordinario è stato raggiunto cinque distinte missioni spaziali, testimonia la longevità della carriera di Oleg Kononenko come astronauta. Nonostante abbia raggiunto questo record, il cosmonauta non ha intenzione di rallentare. La sua partenza da Stazione Spaziale Internazionale è infatti previsto per il 23 settembre l'evento che segnerà un nuovo capitolo nel suo viaggio nello spazio. A quel tempo, i suoi giorni totali in orbita raggiungerà i 1.110 giornio circa tre anni interi trascorsi nello spazio.

In dichiarazione Parlando all'agenzia di stampa russa TASS, Oleg Kononenko ha espresso il suo orgoglio e il senso di realizzazione per aver raggiunto questo importante traguardo. Ha descritto la sensazione di toccare l'ignoto e realizzare qualcosa di nuovo, che rafforza la sua fiducia e l'orgoglio nel suo lavoro.

Da notare che l'astronauta americana Peggy Whitson detiene il record della NASA 665 giorni nello spazio, una prestazione impressionante, ma ancora molto inferiore a quella di Kononenko. Quando si tratta di permanenza continuativa più lunga, i cosmonauti rimangono in testa. Valeri Polyakov detiene il record 437 giorni e 18 ore a bordo della stazione spaziale Mir a metà degli anni '90. Per quanto riguarda la NASA, il record di missione continua è detenuto da Frank Rubio. Quest'ultimo era rimasto sulla stazione più a lungo del previsto a causa di un problema alla navicella, totale 371 giorni.

READ  Presto ci sarà il 4G sulla Luna
Oleg Kononenko
Il ritratto ufficiale di Oleg Kononenko. Crediti: NASA/Andrey Shelepin

Molti effetti sul corpo umano

Naturalmente, trascorrere così tanto tempo in orbita espone gli astronauti a una serie di effetti fisiologici derivanti dalla microgravità. Una delle principali sfide incontrate nella microgravità è la ridistribuzione dei fluidi corporei, come il sangue, che tendono a migrare verso la parte superiore del corpo. Questa ridistribuzione può causare scomodi aggiustamenti nei sistemi cardiovascolare e vestibolare, causando talvolta sensazioni di disagio e nausea negli astronauti che sono nuovi nello spazio.

Inoltre, la microgravità ha effetti deleteri sulle ossa e sulla massa muscolare astronauti. In assenza della gravità che esercita pressione sulle ossa e sui muscoli, questi tessuti tendono gradualmente ad atrofizzarsi. Gli astronauti possono quindi perdere fino all’1-2% della loro massa ossea ogni mese nello spazio, il che può portare a una diminuzione della densità ossea e a un aumento del rischio di fratture.

Allo stesso tempo, la perdita di densità muscolare può portare a una diminuzione della forza e della resistenza muscolare, compromettendo la capacità degli astronauti di svolgere compiti fisicamente impegnativi durante e dopo la missione spaziale.

Per mitigare questi effetti dannosi, gli astronauti devono quindi seguire un rigoroso programma di allenamento fisico a bordo della stazione spaziale, comprendente esercizi di resistenza, cardio e flessibilità. Tuttavia, nonostante questi sforzi, alcuni cambiamenti fisiologici persistono e potrebbero richiedere una riabilitazione prolungata una volta tornati sulla Terra.

Il ritorno sulla Terra di Oleg Kononenko offrirà quindi una preziosa opportunità per studiare questi effetti sul corpo umano. I dati raccolti saranno infatti essenziali per comprendere meglio i meccanismi alla base degli adattamenti fisiologici alla microgravità e per migliorare le strategie di prevenzione e riabilitazione per i futuri viaggi spaziali di lunga durata.

READ  una “biosfera” scoperta a 4 metri di profondità





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *