Oliver Bearman, appena ufficializzato alla Haas per il 2025: “Sono sollevato che abbiamo firmato”


“Il tuo nome circola già da tempo. Sei felice che il tuo l’impegno con Haas dal 2025 è finalmente ufficiale ?
Mi sentivo come se avessi fatto bene in tutte le sessioni con Ferrari e Haas. Scendevo sempre dalla macchina dicendomi che avevo dato una buona immagine di me stesso, di aver fatto una bella prestazione e di poter essere orgoglioso di me stesso. E mi sono detto che se avessi continuato così avrei potuto fare abbastanza per ottenere un posto in F1.

Sono felice che ora sia confermato. Perché in Formula 1, finché non hai firmato sulla carta, non è veramente ufficiale. Non possiamo permetterci di festeggiare le cose troppo presto. Mi sono sentito sollevato quando abbiamo firmato. Ma avrei dovuto filmarmi perché in realtà non l’ho fatto… ho solo firmato e basta, è fatto (ride). C’è anche eccitazione, dicendomi che questi ultimi 11 o 12 anni con tutto il lavoro e i sacrifici che ho fatto hanno finalmente dato i loro frutti con questa firma.

“La stagione della F2 continua ad essere difficile e questo lascia sempre qualche dubbio”

Il paradosso è che stai vivendo una stagione difficile in Formula 2, con il tuo 14° posto in campionato. Anche se hai vinto la gara sprint in Austria lo scorso fine settimana.
Questa vittoria non poteva arrivare in un momento migliore. Ma sì, in F2 le cose continuano ad essere complicate, dato che domenica ho avuto nuovamente un guasto al motore durante la gara principale. Mi sentivo come se tutto il lavoro fosse andato in malora. Questa vittoria non è stata importante solo per le mie ambizioni in F1 ma anche per la squadra (Prema), era necessaria per dare motivazione a tutti.

READ  Vahine Fierro (vittorioso Tahiti Pro): “Teahupoo mi ha dato le onde”

Avevi paura che la tua stagione in F2 ti facesse perdere ogni possibilità di essere promosso? Oppure pensavi che la tua prestazione al volante della Formula 1 avrebbe avuto più peso?
Penso che sì, le mie prestazioni in F1 abbiano davvero pesato, come il correre in Arabia Saudita con la Ferrari (a Jeddah a marzo). Ma non sono mancate le prove libere (con la Haas) e le giornate di test. È sempre andata molto bene. Per me contava un po’ di più e credo che anche per le persone che contano fosse la cosa più importante. Ma non puoi nasconderti dietro niente, la stagione della F2 continua ad essere difficile e lascia sempre un po’ di dubbio in una parte della tua mente anche se mi sento al meglio.

“Voglio soprattutto progredire in ogni gara, avere la sensazione di massimizzare la mia prestazione”

Quali saranno le tue ambizioni per il 2025 e la tua prima stagione in F1?
È sempre difficile dirlo perché le cose cambiano. Ma da un punto di vista personale voglio soprattutto progredire gara dopo gara, avere la sensazione di massimizzare la mia prestazione. Accrescere le mie capacità durante tutto l’anno sarà il mio obiettivo.

Indosserai ancora il numero 87?
Sì, continuerò a usarlo, è confermato. Non potevo sceglierlo a Jeddah. Ma ehi, anche se avessi potuto, sarebbe stata l’ultima delle mie preoccupazioni. È un numero che uso fin dall’inizio. Era di mio padre, soprattutto perché io sono nato l’8 (maggio) e mio fratello il 7 (agosto). 87 era il mio numero preferito e lo è ancora. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *