Olivier Magne: “Tolosa, una montagna quasi impossibile da attraversare”



“Ricordate una squadra caduta così nella finale delle Top 14, come nel caso del Bordeaux-Bègles?
NO. C’era un 40-13 nel 2006 quando Biarritz aveva surclassato il Tolosa, ma non era stata una sconfitta così significativa. Questa, a Marsiglia, è unica nella storia del campionato francese.

Cosa ha causato il crollo dell’UBB in questo modo?
Era ancora un po’ prevedibile nella misura in cui il Tolosa schierava giocatori eccezionali, mentre il Tolosa era disinibito nel gioco. Era una montagna quasi impossibile da superare. Penso che i bordolesi sapessero cosa li aspettava e ci hanno riflettuto per una settimana.

In quali settori lo Stade Toulousain ha iniziato a costruire la sua vittoria?
Sull’aspetto difensivo. Quando vediamo le prime intenzioni del Bordeaux e di fronte la difesa del Tolosa è aggressiva ed ermetica, come durante la finale di Coppa dei Campioni faccia al Leinster (22-31), la messa è stata detta. Soprattutto perché di fronte c’era un giocatore, Matthieu Jalibert, che ha giocato su una gamba sola e non ha avuto la sua solita prestazione, non è stato abbastanza creativo e deciso come al solito. Questo contrasto ha eliminato le incertezze.

READ  Frosinone-Inter: su quale canale vedere la partita del Campionato Italiano?

“L’UBB? Una mancanza di fiducia da parte del collettivo perché non mettiamo in campo due infortunati per una partita di questa importanza senza mandare un messaggio negativo al resto della squadra”

Con la meta di Mauvaka su un brutto lancio del Bordeaux (20°), quella di Dupont dopo una fuga ravvicinata e un pallonetto (23°): è l’opportunismo dei tolosani il loro marchio di fabbrica?
No, non necessariamente. Abbiamo visto la gente del Tolosa recuperare palloni e contrattaccare. Questo è il loro solito background. Giocano anche con i piedi per occupare il campo ma soprattutto sanno nutrirsi degli errori avversari. E soprattutto l’indisciplina bordolese. Prima di lasciarsi andare e godersi il minimo brivido.

Tanta indisciplina, soprattutto nel primo periodo (sei falli fischiati), dimostra la mancanza di esperienza di un nuovo arrivato nel finale?
Sì, c’era stress tra i bordolesi, ma comunque diciamo, mancanza di fiducia da parte del collettivo perché non schieriamo due giocatori infortunati (Matthieu Jalibert e Ben Tameifuna) per una partita di questa importanza senza inviare un messaggio negativo al resto della squadra. Questa eccitazione è contagiosa dal momento in cui si schierano in campo due giocatori che non sono al cento per cento della loro forma fisica… Non comprendiamo l’importanza di ciò che questo crea nell’inconscio collettivo di una squadra. È umiliante…

READ  Donny van de Beek lascia il Manchester United per il Girona

Come si spiega che l’UBB si sia arreso negli ultimi venti minuti?
In effetti, ci sono solo l’80% dei contrasti riusciti da parte del Bordeaux, ma i giocatori erano cotti, fisicamente e mentalmente. Di fronte, lo Stade Toulousain ha ruotato più di cinquanta giocatori in questa stagione, con partenze mirate e giocatori senior lasciati a riposo. Mentre l’UBB ha dovuto schierare la sua squadra tipica quasi ogni volta per combattere e qualificarsi. I bordolesi hanno lasciato lì un po’ di energia e questa energia è venuta a mancare alla fine della partita. Questi ultimi venti minuti sono stati troppi per loro: è qui che il punteggio cresce mentre i loro nervi cedono.

Può questo punteggio record svalutare il 23esimo titolo del Tolosa?
Buona domanda. Ricorderemo il punteggio ma non il contenuto di questa partita a senso unico, perché il Tolosa non ha vinto solo la finale: ha vinto la stagione. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *