Olivier Ménard: “Il mio aggressore voleva uccidermi”



Colpito al ginocchio, Olivier Ménard vaga sbuffando per i corridoi della redazione di il canale L’Équipe questo giovedì, a poche ore dal trovare l’emozione di La squadra della sera (alle 21:45 per Squadra a metà tempo). Aggredito nell’atrio del suo palazzo a Issy-les-Moulineaux il 10 giugno, il giornalista è da allora assente dalle trasmissioni. “Con un tocco di trucco”, la sua coccarda già sbiadita sull’occhio destro non si vedrà questa sera. Dopo aver sporto denuncia per tentato omicidio volontario, spera un giorno di poter parlare con il suo aggressore per capire cosa gli è successo.

“Come ti senti moralmente e fisicamente?
Non ho mai avuto ripercussioni psicologiche, quello che chiamiamo shock post-traumatico. Fisicamente ho dolore al ginocchio e dubbi sui legamenti che potrebbero essersi mossi. Non ho rotto niente, questo è l’importante.

Cosa è successo esattamente lunedì scorso, 10 giugno?
Ho una piccola routine quotidiana. La mattina vado in palestra, poi preparo il pranzo per le mie figlie. Quel lunedì, dopo aver fatto la spesa, sono arrivato davanti al mio palazzo, ho inserito il codice per il mio primo codice digitale, sono entrato nell’atrio e non ho toccato la porta che si è chiusa da sola. Mi dirigo verso il secondo digicode e lì sento un’ombra che corre verso di me e mi lancia in faccia destre e sinistre. Boom Boom boom. Poi cadiamo a terra e c’è stupore. Dico: « Mi stanno attaccando, è strano. Difenditi! « .

“Vorrei rivedere questo signore, confrontarmi con lui: “Adesso spiegatemi!” »

Hai avuto paura in quel momento?
NO. Il cervello è stranamente confuso. Ho dovuto fare una iniezione di adrenalina perché i colpi li sentivo ma non facevano male. Ero un po’ come uno spettatore della scena. Ma il mio aggressore voleva uccidermi. Ad un certo punto mi cammina un po’ dietro e vuole ghigliottinarmi, rompermi le vertebre cervicali. Lì fare sport ogni giorno mi ha aiutato molto. Riesco a controllare la sua forza, a contrastarlo.

Picchiarlo per cercare di spaventarlo era impossibile?
Ero ancora sulla difensiva, non l’ho aggredito e ho cercato di scappare strisciando. In totale, l’attacco è durato tre minuti. Trascorso questo tempo, un vicino esce dal suo appartamento e arriva nella camera di equilibrio, gli spettatori in strada si fermano davanti alla porta senza poter entrare, ed è allora che decide di andarsene, camminando..

READ  Deschamps dopo la qualificazione dei Blues ai quarti degli Europei: "Anche se ci aspettano lì, non dobbiamo banalizzare"

Questo attacco potrebbe essere collegato a qualcosa che hai detto a L’Équipe du Soir?
No, non la penso così. Non l’ha mai detto Anche e non ha mai fatto riferimento al canale L’Équipe, né allo spettacolo, né al dibattito che avremmo potuto fare. Allora vorrei rivedere questo signore, confrontarmi con lui: “Adesso spiegamelo!”. Dopo l’aggressione, la bici mi girava in testa.

Il parigino ha rivelato l’attacco, suscitando un’ondata di sostegno…
Non volevo l’articolo. Era una questione privata, non volevo far piangere la gente nei cottage. Ma i giornalisti fanno il loro lavoro… Pubblicano e poi era una follia. Ho ricevuto 500 SMS, non li avevo mai visti! E siccome sono un rottame digitale, mi sono stati segnalati 34 messaggi ma non sono riuscito a leggerli… Sono scomparsi. Non leggo i social ma mi sono state inviate le varie testimonianze. E, per strada, la gente si fermava spontaneamente per sostenermi. È fantastico, sono sulle spine ma mi ha fatto bene. Questo è ciò che ricordo di questa triste avventura: la fratellanza e la gentilezza della gente. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *