Omofobia: archiviata la denuncia contro Mohamed Camara (AS Monaco).


Motivo: omofobia. Come annunciato la settimana scorsa, l'associazione Bleus et Fiers ha presentato martedì mattina una denuncia contro Mohamed Camara “pubblico incitamento all’odio o alla violenza basata sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere mediante parole, scritti, immagini o mezzi di comunicazione al pubblico con mezzi elettronici”. Anche l'AS Monaco, la LFP, Mostafa Mohamed, l'FC Nantes, Nabil Bentaleb e il LOSC sono presi di mira dalla denuncia.

Durante il 34e e ultima giornata di Ligue 1 dedicata alla lotta all'omofobia, centrocampo dell'AS Il Principato di Monaco ha coperto il distintivo contro l'omofobia con del nastro adesivo bianco sul davanti della maglia e ha tinto i colori dell'arcobaleno di nero sul logo della Ligue 1, attaccato alla manica. Camara ha giocato la partita e ha anche segnato, su rigore offerto dai compagni. Si è anche rifiutato di posare nella foto pre-partita.

“Le conseguenze del comportamento di Mohamed Camara hanno avuto un impatto drammatico in Francia e all’estero”

Associazione Blu e Orgogliosa

Il nazionale maliano (24 anni, 23 presenze) lo era stato convocato dalla Commissione Disciplinare della LFP ed è stato squalificato per quattro partite. Durante la sua udienza, si è rifiutato di partecipare a seminari di sensibilizzazione, come aveva fatto Kévin N'Doram. Il centrocampista del Metz aveva fatto delle dichiarazioni omofobe al microfono di Prime Video nell'intervallo dell'incontro tra Metz e Marsiglia (2e giornata di Lega 1). È stato sospeso per una partita perché aveva guidato l'allenamento per il PanamBoyz & Girlz United, un club LGBT+.

READ  Il primo degli ottavi di finale del Grand Quiz des Régions

“Anche Mohamed Camara ha rifiutato di scusarsi”, precisa Jean-Baptiste Montarnier, presidente dell'associazione Bleus et Fiers. « Le conseguenze del suo comportamento hanno avuto un impatto drammatico in Francia e all'estero poiché questo giocatore ha ricevuto il sostegno (…) del presidente maliano che ha rilasciato un comunicato stampa in difesa del suo giocatore, » si legge nella denuncia.

L'associazione ha presentato una denuncia contro Mostafa Mohamed e il suo club FC Nantes per il rifiuto dell'attaccante egiziano di partecipare alla giornata per il secondo anno consecutivo. “Questa situazione è scioccante perché né il club né la LFP sembrano volerlo sanzionare. » Quanto a Nabil Bentaleb, ha schivato la foto davanti allo striscione della LFP che lotta contro l'omofobia. “Attraverso il suo comportamento, implica il sostegno all’omofobia in Francia come in Algeria, complicando la vita quotidiana delle persone LGBT e incitando implicitamente alla legittimità di commettere violenze e crimini contro queste persone”, è scritto.

Bleus et Fiers sporge denuncia contro Monaco, Nantes e LOSC per loro “assenza di reazioni forti” e il loro “compiacimento”. Contattato, ASM “si difenderà naturalmente da ogni denuncia nei suoi confronti sull’argomento”, Lille “non farà alcun commento sull’argomento”, mentre la FCN non ha risposto. Coperto dalla denuncia perché lo era “dovrebbe denunciare al Pubblico Ministero qualsiasi comportamento criminoso, in questo caso aggravato dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere”, la LFP è “non ha fatto commenti”.

READ  Vincitore della 9a tappa, Olav Kooij costretto al ritiro dal Giro



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *