Organizzare l'Euro, un vantaggio diventato una maledizione per il Paese ospitante



Organizzare un Euro si trasformerebbe in una maledizione per il Paese ospitante? Se il vantaggio sembrava visibile, con tre vincitori in casa nelle prime sette edizioni della competizione europea, la situazione è cambiata. Per una buona ragione, nessuna squadra è stata incoronata sul suo territorio da… 40 anni.

Non abbastanza per rassicurare i tedeschi, rinvigoriti negli ultimi mesi da Julian Nagelsmann, arrivato in testa alla selezione nel settembre 2023. Lanciati alla conquista di una quarta incoronazione europea, il squadra aprirà il ballottaggio contro la Scozia venerdì (21:00), con ambizione.

La Francia, l’ultimo paese ospite sacro

Per trovare un paese ospitante vincente bisogna tornare al 1984. Quell'anno, Patrick Bruel e Mylène Farmer monopolizzarono la nuova top 50. La Francia trionfò contro la Danimarca (1-0) in finale, sul prato del Parco dei Principi , 27 giugno 1984. Portato da Michel Platini al suo apice (9 gol)i Blues di Michel Hidalgo ottengono il loro primo successo europeo.

Un vantaggio trasformato in una maledizione

Se nel 1968 la fortuna è andata a favore degli italiani, da allora i padroni di casa hanno inciampato soprattutto in semifinale o addirittura in finale, mentre non hanno inciampato nella fase a gironi.

Nonostante carriere piuttosto riuscite, Belgio (1972), Jugoslavia (1976) e Italia (1980) furono a loro volta eliminate in semifinale prima dell'incoronazione tricolore del 1984. Niente più successi per RFG (1988), Svezia (1992), Inghilterra (1996) e Olanda, che ha co-organizzato Euro 2000 con il Belgio, sono state eliminate al primo turno.

Alcuni singhiozzi e host meno attesi

Ma come spiegare questa progressiva diluizione del vantaggio offerto al Paese ospitante? Ci sono stati alcuni incidenti in particolare negli ultimi vent'anni. Un incidente quello riscontrato dal Portogallo, battuto in finale in casa dalla sorpresa greca nel 2004 (0-1), ma anche dai Blues, troppo sicuri di sé contro la stessa Seleçao, sempre nella finale di Euro 2016 (0-1 ).

Nel frattempo, due tornei sono stati organizzati congiuntamente da Svizzera e Austria (2008), poi Polonia e Ucraina (2012). Queste quattro nazioni hanno una cosa in comune: sono tutte uscite pietosamente al primo turno, con un vantaggio meno palpabile. L'edizione 2020 dell'Euro, rinviata al 2021 a causa della pandemia di Covid-19, si è giocata in undici nazioni, con gli inglesi che hanno giocato quasi interamente in casa (ad eccezione del quarto di finale contro l'Ucraina, 4-0), battuti in finale dall'Italia (1-1) , 3-2 in tabellone), a Wembley.

READ  Tino Costa rinuncerà a Pau

Spetta ora ai tedeschi cercare di spezzare la maledizione sulle loro terre. Risposta entro il 14 luglio.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *