Pallone d'Oro di Diego Maradona sequestrato dal tribunale, vendita vietata



Hanno vinto gli eredi di Diego Maradona. Eppure respinto dal tribunale di Nanterre lo scorso 30 maggio hanno ottenuto il sequestro e il divieto di vendita del Pallone d'Oro Adidas di France Football assegnato nel 1986 alla leggenda argentina, secondo la sentenza emessa mercoledì dalla Corte d'Appello di Versailles. Ciò significa che la giustizia conserverà questo trofeo per il miglior giocatore della Coppa del Mondo, rubato nel 1989 e poi ritrovato a Parigi, mentre l'Ufficio centrale per la lotta contro il traffico di beni culturali (OCBC) completa le sue indagini.

Nel tentativo di allentare le tensioni, lo ha annunciato domenica la casa specializzata rinvio fino a nuovo avviso l'asta dell'oggetto, a causa di a “clima controverso” e D'“incertezze”. Questo ambiente è legato ai dubbi espressi dagli eredi di Maradona sul modo in cui Abdelhamid B. avrebbe acquistato il Pallone d'Oro nel 2016. Se Abdelhamid B. evoca un acquisto fortunato in un “lotto hardware”i bambini del Pibe de oro ritengono che questa storia non sia verosimile.

“Siamo soddisfatti di questa decisione, che è in linea con le nostre richieste e rassicura i miei clienti, spiega Gilles Moreu, avvocato dello studio Paradox, incaricato dagli eredi. I miei clienti ora presenteranno ricorso al tribunale, ritenendo che, se il Pallone d'Oro è quello assegnato al padre nel 1986, dovrebbe tornare a loro. Abdelhamid B. non può, a nostro avviso, e date le circostanze dell'acquisizione come sostiene quest'ultimo, essere qualificato come acquirente in buona fede. » Per recuperare il trofeo, gli eredi di Diego Maradona hanno tre mesi di tempo per portare a termine questa azione. Un procedimento che continuerà a tenere viva questa telenovela.

READ  Fine stagione per Andy Carroll (Amiens)



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *