Patrice Collazo (Montpellier), dopo la sconfitta contro il Perpignan: « Mi sarei preoccupato se avessimo mollato »



« Come analizzi questa sconfitta?
Il primo periodo è molto bello, l'USAP è sotto pressione, prende due gialli ma ci mancano almeno dieci punti. Nel corso della partita, visti gli accordi del momento, ha finito per dare i suoi frutti. Nel secondo periodo la partita si è ribaltata, l'USAP ci ha messo pressione anche se ci abbiamo messo tanto impegno. Ancora una volta non abbiamo segnato abbastanza nel primo tempo, non siamo stati abbastanza forti. Mi sarei preoccupato se avessimo rinunciato, ma non è questa la sensazione che ho. Avremmo dovuto avere un vantaggio maggiore all'intervallo.

Questa mancanza di realismo sembra ricorrente…
NO. Quando abbiamo vinto al Racing e all'Oyonnax nessuno si è posto la domanda… Sono molto deluso in questo contesto, l'energia sugli spalti da entrambe le parti, sembrava una partita della fase finale, c'è stata una situazione di stallo fino alla fine. Ci siamo spinti fino in fondo ma il pragmatismo ci ha deluso. Dovevamo essere più in vantaggio nel primo tempo, questo ci avrebbe dato più energia nel secondo. Abbiamo perso una grande occasione alla fine del primo tempo e alla fine abbiamo mancato sette punti. Quanti rigori senza gol abbiamo sbagliato oggi?

Dovremmo già pianificare un’eventuale manutenzione della diga?
Non pianifico per giugno, ho ancora quattro partite da giocare (nella stagione regolare). A meno che non mi dicano di andare adesso e riceviamo un fax dalla Lega per andare subito a giocare una partita d'accesso. Non capisco questa domanda. Soprattutto progetteremo il recupero, faremo un'osservazione e troveremo soluzioni. Sarei preoccupato se non fossimo stati invitati. Siamo stati scaricati oggi? Non ne ho l'impressione. Ricorderemo il risultato finale, ed è normale, ma non parleremo di una partita che si giocherebbe tra sette settimane. Sai dove sarai tra sette settimane? No, beh neanche io! »

READ  "Ci immergeremo lì", assicura Amélie Oudéa-Castéra, fiduciosa sulla balneabilità della Senna



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *