Per il Tolone è tempo di rimpianti dopo l'eliminazione negli spareggi contro La Rochelle



Brutale, lo schiaffo ricevuto dal RCT sabato sera a Mayol (29-34). Alla fine di questo sbarramento perso nella sua tana, di fronte al Rochelais, il Toulonnais sembrava intontito. Loro, tornati nella fase finale della Top 14 dopo sei anni di assenza a questo livello, si sono ritrovati troppo presto sopraffatti. “C’è frustrazione, rabbia, ovviamente molta delusione, disse il capitano Teddy Baubigny. Non ci accontentiamo assolutamente di abbandonare lo sbarramento e fare quello che abbiamo fatto stasera. »

I Tolonesi mancavano di carattere?  » Non la penso così, Lo decide il manager Pierre Mignoni. Abbiamo perso la battaglia a terra, non esistevamo anche se solitamente è questo il nostro punto di forza. Abbiamo preso due tentativi contro i quali ci hanno fatto molto male. Abbiamo perso il conto della strategia. Avremmo dovuto essere molto più precisi. Sono clinici, densi, erano molto più bravi di noi in questo senso. »

I Varois sono infatti penalizzati dalla loro scarsa efficienza, sia offensiva che difensiva. Come questa intrigante meta realizzata al 30' dopo un 50/22 trovato da UJ Seuteni, velocemente giocata da Jack Nowell sotto gli occhi di Melvyn Jaminet.

READ  Ugo Mola (Tolosa) dopo la vittoria contro il Leinster: “Ho la possibilità di allenare ragazzi incredibili”

« È fatto molto bene (da parte dei Rochelais), sono cose su cui stiamo lavorando anche noi, ma non siamo molto attenti in questo momento, ci sono troppi errori, lo paghiamo in contanti », ritiene Mignoni. Jaminet aggiunge: “Sono errori abbastanza stupidi, abbiamo preso 7 punti troppo facilmente. Non direi che questa sia la svolta decisiva di questa partita anche se questa meta ci dà non pochi grattacapi. »

“In due mesi e mezzo siamo stati capaci di grandi cose. Non ci siamo lasciati andare »

Questo tipo di azione corrispondeva al prezzo da pagare per imparare a questo livello di concorrenza che l'RCT non era più abituato a raggiungere? “È durante la stagione che dobbiamo imparare, – osserva Mignoni. Lo analizzeremo. Ho un piccolo rammarico perché non abbiamo mostrato i nostri veri colori. »

Il Toulonnais conclude così una stagione turbolenta, tra serie di vittorie e sconfitte, sfoghi, tensione e riscatto. “Sono molto orgoglioso dei ragazzi, disse Charles Olivon. A fine marzo eravamo in questa sala (conferenza stampa) prima della partita contro il Montpellier dove, se avessimo perso, avremmo (detto che) avremmo giocato la discesa. Ci ritroviamo 4° nella Top 14. Da questo si vede la nostra incoerenza ma anche un lato positivo: ti dici che in due mesi e mezzo siamo stati capaci di grandi cose. Non ci siamo arresi. Dobbiamo continuare perché il Tolone deve essere al top. »

READ  Il Grenoble cerca freschezza per affrontare il Montpellier negli spareggi

Pierre Mignoni, che riceverà alcuni rinforzi questa estate (Antoine Frisch, Lewis Ludlam, Kyle Sinckler, Mickaël Ivaldi), condivide l'analisi della sua terza riga: “Non è stata una stagione semplice, è stata anche complicata, è stata una stagione da Mondiale. Non è stato catastrofico ma è difficile per noi questa sera (sabato). Sono passati sei anni senza una top 6, ci siamo arrivati ​​ma purtroppo finisce lì. Ma so che torneremo molto migliori. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *