Perché i maschi non allattano? I matematici rispondono


Vi siete mai chiesti perché i mammiferi maschi non producono latte per la loro prole? Questa domanda è giustificata, poiché i maschi sono geneticamente dotati del necessario equipaggiamento (tessuto mammario) e del potenziale per farlo. Nel mondo animale esiste addirittura una specie di pipistrello della frutta proveniente dal sud-est asiatico, il Dayak Bat (Dyacopterus spadiceus), che è in grado di farlo, ma si tratta di un’eccezione. Nonostante questo, allattamento generalmente non sembra loro apertamente disponibile, in particolare a causa della mancanza di fattori ormonali (soprattutto prolattina). Ma perché è esattamente così?

Questo fenomeno interroga da tempo gli scienziati e sebbene al momento non vi sia motivo di giustificare pienamente questo stato di cose, un modello matematico recentemente proposto dai ricercatori del Dipartimento di Matematica dell’Università di York (Toronto, Canada) fornisce una spiegazione plausibile. La squadra è rimasta infatti affascinata dal Douroucouli di Azara (Aotus azarae), un primate notturno in cui il padre si prende cura del bambino dall’80 al 90% delle volte e lo lascia alla madre solo per l’allattamento. Questo fatto intrigante ha spinto questi scienziati a interessarsi a questo argomento insolito.

Perché i maschi non allattano? Cosa dice la scienza

Negli anni ’70, i teorici dell’evoluzione condivisero l’ipotesi che incertezze sulla paternità (e quindi il rischio di non essere il vero progenitore del bambino) potrebbe incidere sullo slancio evolutivo che potrebbe spingerli a volersene prendere cura, in particolare attraverso l’allattamento al seno. Con il loro nuovo studio pubblicato il 27 giugno 2024 su Nature Communications, i ricercatori canadesi forniscono una nuova prospettiva complementare a questa.

READ  Il vero pianeta "Vulcano" era solo un'illusione

In questo lavoro si sottolinea in particolare che attraverso l’allattamento al seno i bambini sono esposti ai germi contenuti nel latte che si diffondono aiutaci a creare il tuo microbioma intestinale. Come spiega il dottor Brennen Fagan, l’autore principale dello studio, ciò è essenziale poiché “ ecosistema complesso di batteri, virus e funghi, nonché materiale genetico (…) gioca a ruolo cruciale nella salutecompreso aiutare a proteggere gli animali dalle malattie, aiutarli a digerire il cibo e anche in molti altri modi che stiamo solo iniziando a scoprire ».

Perché questo è importante per spiegare il mancato allattamento al seno negli uomini?

Il ricercatore spiega che i microbi non sono intrinsecamente né buono né cattivoma che uno squilibrio (in particolare la loro abbondanza) può avere un impatto sulla salute del corpo. Tuttavia, con la nascita ed eventualmente anche nell’utero, il genitore ne trasmette già una parte alla prole. Tuttavia, il modello matematico dei ricercatori dimostra che se ricevesse il latte dai suoi genitori, esporrebbe potenzialmente il bambino a ulteriori batteri presenti nelle popolazioni di mammiferi. Infine, l’allattamento solo nelle femmine limiterebbe i rischi che il loro microbioma riceva troppi microbi pericolosil’allattamento al seno di entrambi i genitori li moltiplicherebbe.

l'allattamento al seno maschile allatta il bambino con il biberon
Crediti: Denis Shevchuk/iStock

Pressione selettiva sul lavoro

Secondo il dottor George WA Constable, uno dei coautori dello studio, questa teoria è valida poiché fa parte di “ un modello di strategie che i mammiferi hanno adottato in a tentativo evolutivo di ridurre la diffusione di elementi potenzialmente dannosi. Nell’uomo il DNA mitocondriale viene trasmesso esclusivamente dalla madre. Questo meccanismo agisce come filtro naturale che mantiene l’integrità genetica eliminando la proliferazione di mutazioni dannose. Inoltre, è stato anche suggerito che la prevalenza di relazioni monogame in alcune specie sia anche una risposta adattativa che serve a ridurre al minimo la trasmissione di infezioni a trasmissione sessuale.. » Raddoppiando i rischi, l’allattamento nei maschi supererebbe i benefici forniti dalla nutrizione di entrambi i genitorida qui l’emergere di un’ulteriore pressione selettiva.

READ  la reintroduzione di questo uccello minacciato di estinzione non è unanime

I ricercatori, tuttavia, insistono su questo fatto con questa teoria non si intende assolutamente dare giudizi sul modo in cui tutte allattano i propri figli. Il dottor Fagan spiega che “ il nostro modello si concentra sull’evoluzione a lungo termine nel mondo animale. Non ci dice nulla sulle singole famiglie che fanno scelte individuali su come nutrire i propri figli in modo sicuro, e soprattutto non tra gli esseri umani nel mondo moderno « . Aggiunge infine che questo “ L’ipotesi colma una lacuna nelle teorie evoluzionistiche e si concentra solo sulla pressione selettiva nei mammiferi su scala di popolazione, per lunghi periodi di tempo che abbracciano più generazioni ».

Trova lo studio su Nature Communications, su questo link.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *