Perché Philippe Bozon è stato rimosso dalla guida della squadra francese prima del TQO



Non sono solo le franchigie della NHL o le squadre della Magnus League a cambiare allenatore durante la stagione. Ci sono anche le selezioni nazionali. A tre settimane dal completamento della fase a gironi del Campionato del Mondo (settimo nel proprio girone e mantenuto nella categoria élite), e a due mesi e mezzo dal torneo di qualificazione (TQO) per i Giochi Olimpici del 2026 di Milano e Cortina d'Ampezzo (Italia). ), la squadra francese si è offerta un volto nuovo come allenatore.

Esce Philippe Bozon (57 anni), sulla panchina dei Blues dal 2018, e accoglie Yorick Treille (43 anni), non molto lontano, visto che per sei anni è stato anche vice allenatore della nazionale francese (oltre ad essere stato per due stagioni assistente del Genève-Servette, vincitore quest'anno della Champions League).

“Ho conquistato un amico di trent’anni, non è facile”

Pierre-Yves Gerbeau, presidente della Federazione francese di hockey su ghiaccio

Questo cambiamento è stato sorprendente. Pensavamo che sarebbe successo dopo il TQO, se la squadra francese non si fosse qualificata ai Giochi, dietro ai quali corre dal 2002. Ma nello staff e negli spogliatoi sono apparse tensioni.

READ  I Blues senza Vincent Gérard, Elohim Prandi e Mathieu Grébille nell'amichevole contro gli Stati Uniti

“Considerata la posta in gioco enorme e le possibilità che abbiamo di qualificarci, abbiamo dovuto prendere una decisioneha dichiarato Pierre-Yves Gerbeau, presidente della Federazione francese (FFHG). Avremmo voluto che Philippe finisse ai Giochi Olimpici. Ma pensavamo che ci fossero maggiori possibilità di qualificarsi con Yorick che con lui. Mi sono aggiudicato un amico di trent'anni, non è facile. Non è nemmeno un mercenario quello che stiamo sbarcando, è un monumento. Sicuramente non è andata bene. È stato colpito. »

Un record misto sotto il suo mandato

Contattato, Bozon non ha risposto. Se è uno dei più grandi giocatori della storia dell'hockey su ghiaccio francese (24 anni di carriera, quattro partecipazioni ai Giochi Olimpici, primo giocatore formatosi in Francia per giocare nella NHL), il suo record alla guida dei Blues è molto alto. meno brillante, con, è vero, non poche avventure extrasportive: una retrocessione in Division 1 nel 2019 dal suo primo Mondiale, due anni senza gare causa Covid-19, una mancata qualificazione ai Giochi del 2022, una Entrato improvvisamente nell'élite due anni fa, dopo la sospensione della Russia, in seguito all'invasione dell'Ucraina, e da allora tre presenze ai Mondiali, finendo in fondo alla classifica.

Ma durante l'ultimo Campionato del Mondo, lo scorso maggio, a Ostrava (Repubblica Ceca), i francesi hanno tenuto testa a Svezia (1-3), Lettonia (2-3 ap), Slovacchia (2-4) e Germania (3-6). Abbastanza per alimentare le speranze di qualificarsi per il TQO, con tre partite da vincere contro Ucraina (29 agosto), Slovenia (30) e Lettonia (1 settembre), che avranno il vantaggio di giocare in casa. Solo il vincitore di questo mini-gruppo andrà ai Giochi.

READ  L'Argentina avanza ai quarti, il Canada torna in Copa America

E questa sarà la missione di Yorick Treille, fratello maggiore di Sacha, attuale capitano della Francia. “È un onore, una grande responsabilità (per allenare la selezione), ha commentato il nuovo allenatore dei Blues, che ha preferito menzionare l'aspetto sportivo del suo compito. E rappresentare il proprio Paese alle Olimpiadi è straordinario. Quindi un TQO è un impegno speciale. È anche un torneo molto breve. Le tre partite saranno tutte importanti, ogni volta ci sarà intensità. Ma avremo molti giocatori che avranno una, due o tre esperienze TQO. Io ne ho uno come giocatore (ha gareggiato ai Giochi nel 2002) e come deputato. Anche se la preparazione sarà breve, abbiamo tutte le carte in mano. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *