Perché tornare e provare per due giorni il circuito olimpico di Élancourt



Avevamo lasciato il circuito olimpico di mountain bike appena fuori dalla confezione, appena guidato durante la prova olimpica a settembre sotto un sole limpido. Da allora, la collina di Élancourt (Yvelines) era tornata in un letargo solitario, chiuso a qualsiasi forma di competizione o di passeggiata. Martedì e mercoledì, sotto una pioggerellina ostinata, il poggio boscoso tornerà ad animarsi con piccoli ciclisti lillipuziani sulle sue pendici. Sul percorso che ospiterà le gare olimpiche di sci di fondo del 28 e 29 luglio sono attesi tra i sessanta e i settanta piloti. Questa volta niente pubblico né media, solo uno staff affiatato e i mountain biker attesi ai Giochi. Ma che senso ha tornare due mesi prima dei Giochi, fuori dalle competizioni?

Un (basso) problema di preparazione

La questione della preparazione fisica e finanziaria non è il motore principale del ritorno all’Élancourt. A settembre le squadre presenti avevano raccolto tutti i dati necessari. “Conosciamo esattamente al secondo il tempo delle tre difficoltà, le salite, le discese, il grado delle pendenze, spiega Yvan Clolus, il manager dei Blues. Poi è la modellazione. Abbiamo misurato tutto durante il test event, in modo che gli atleti potessero andare a cercare vicino a casa loro ciò che gli è più vicino, con i microcircuiti, e dire a se stessi « Cosa è più simile ad un piccolo sasso vicino a casa mia che è alto circa 1,5 m.  » Ce ne sono anche alcuni le cui famiglie li aiutano a ricreare alcune cose personali. »

Una questione materiale

Una delle sfide di questi due giorni risiede più nei dettagli della meccanica, legata al percorso specifico dei Giochi Olimpici. E confermano così il lavoro svolto negli ultimi sei mesi. “Non sono le stesse cose a rappresentare un problema per tutti, illumina Clolo. E avrebbero potuto essere altri pensieri (Da settembre in poi). Ad esempio, quello che più assomiglia a Élancourt per poter testare questa o quella attrezzatura nei nove mesi che mi separavano dalle Olimpiadi. È in fase di test, ma da remoto. »

Il campione del mondo francese, che arriverà a Élancourt questo martedì pomeriggio, conferma che questi due giorni sono un passo necessario: “Non c’è ancora niente di deciso (per la scelta del telaio e dei pneumatici), abbiamo deciso che l'avremmo percorsa di nuovo per convalidare le scelte fatte in quel momento. Tutto dipende anche da come si è evoluto il circuito durante l’inverno. »

Una forte sfida di adattamento

Perché questo è il cuore di queste due giornate. La mountain bike è una disciplina dall'ambiente vivace: in mezzo alla natura e senza passaggio, i cespugli riprendono terreno. “Dove è difficile è in questo momento, con la vegetazione che cresce a tutta velocità, Yohann Vachette, ex mountain biker di alto livello, è responsabile dello sviluppo con la sua azienda Bike Solutions. Appena si smette di pedalare la natura riprende i suoi diritti e con la pioggia si “decomprime”. Per fortuna ci sono questi allenamenti che compattano la pista. »

READ  26 luoghi saranno aperti durante le Olimpiadi del 2024 per festeggiare a Parigi

Un mese dopo il test olimpico, l’UCI ha fornito un rapporto mirato ai riorganizzamenti. Da allora il circuito non è cambiato radicalmente, ma ci sono stati degli adattamenti. Un salto che atterra in cima al percorso qui, un passaggio allargato là (“L'UCI ha voluto che la prima salita fosse notevolmente allargata, di circa 2 m. Siamo riusciti a farlo da 1 a 1,5 m con vincoli ambientali. È su questo tipo di compromesso che abbiamo dovuto lavorare. »)… L'ICU “vuole un tavolo da biliardo, una sorta di giardino giapponese. Ma non deve essere tutto pulito, dobbiamo mantenere questo lato un po’ tecnico e restare mountain bike”ride il progettista della pista.

Due mesi esatti separano queste due giornate di allenamento dalla competizione. “Mantenere un percorso pulito tra la fine dei lavori di consegna e l’evento è sempre un tema per tutte le Olimpiadi”, ricorda Vachette. Nessun segreto per mantenere una pista in buone condizioni e compattarla al meglio, “devi fare passaggi, passaggi, passaggi”. “Abbiamo bisogno di persone che ci pedalano ogni settimana” fino ai Giochi, augura lo stilista francese.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *