Philippe Sella: “Decenni dopo, “Dédé” Boniface aveva ancora la stessa aura”



“Quando pronunci il nome André Boniface, cosa significa per te?
Tutti parlavano di “Dédé” Boniface quando ero piccolo, mio ​​padre, mio ​​zio… Mi parlavano dei fratelli Boni (André e Guy). Hanno portato un'immagine, un marchio. “Dédé” ha evidenziato la posizione centrale di tre quarti. È una leggenda. Ha giocato a lungo, vent'anni in Prima Divisione, durò anche con i quindici della Francia. Decenni dopo, aveva ancora la stessa aura. Ha segnato il tempo in cui ha giocato, ma anche il tempo dopo. Era sempre lì.

Come lo hai incontrato?
Quando ero più giovane giocavo terzino e quando, durante il mio primo anno ad Agen, mi sono trasferito al centro, ho avuto la possibilità di conoscere “Dédé”. Ho organizzato un incontro con lui in modo che potessimo parlare. Uno scambio amichevole è andato bene. Successivamente avevo una cabina di comunicazione e quando andavo nelle Landes di tanto in tanto c'erano alcune gare di golf, dove veniva lui. Era un giocatore di golf, una persona piuttosto meticolosa. Abbiamo avuto piccoli momenti del genere, molto belli. Aveva la gentilezza di venire ad accontentare le persone invitate a queste partite di golf. Nelle nostre discussioni spesso si tornava comunque al rugby (ride). Potevamo essere d'accordo o in disaccordo, ma c'erano sempre discussioni vivaci.

Circa vent'anni dopo la sua carriera nella squadra francese, tu sei subentrato in un certo modo con una certa idea del bel gioco francese…
Ognuno di noi aveva stili significativamente diversi, soprattutto sull'aspetto difensivo. Stavo cercando di darci molta espressione. Aveva una difesa più collettiva, con la consapevolezza di isolare l'avversario. Ma qualunque sia lo stile, l’importante è dare un contributo al progresso della squadra, al movimento. Dobbiamo puntare al successo totale, andare il più lontano possibile, anche dietro la linea (sorriso).

READ  Ryder Cup : l’Europe s’impose à domicile

« Potrebbe essere stato mio padre. » Ma era un amico, un amico. In questo mondo del rugby, qualunque siano le generazioni, ci scambiamo, discutiamo e abbiamo l’impressione di conoscerci da sempre”

Deve aver apprezzato il modo in cui giocavi…
Aveva una personalità forte, amava il rugby, il bel gioco, e ne parlava molto. Amava questa espressione, questo rugby fatto di passaggi, il rugby del movimento. Ho visto alcune immagini della sua carriera, ho avuto tante testimonianze dalla mia famiglia, da chi lo ha visto giocare. Era un centro che attaccava dalla linea, che era dritto, con classe nel gioco, ma anche nel suo modo di essere. Apprezzo quanto sono stato fortunato a stare fianco a fianco con lui nel golf. È stato fantastico.

Che tipo di rapporto avete formato voi due?
Potrebbe essere stato mio padre. Aveva la sua stessa età. Ma era un amico, un amico. In questo mondo dello sport in generale e del rugby in particolare, qualunque siano le generazioni, ci scambiamo, discutiamo e abbiamo l'impressione di conoscerci da sempre. Ho lo stesso tipo di rapporto con Christian Darrouy (Ala della nazionale francese dal 1957 al 1967, compagno di squadra di Boniface allo Stade Montois), che è anche lui un bravo ragazzo, che adoro. Potremmo avere età diverse, ma c’è una connessione. La palla ha molto a che fare con questo. Ci passiamo la palla, ma possiamo anche mandarci messaggi. È la passione. »

READ  A 17 anni Gukesh vince il Torneo dei Candidati dopo un'incredibile finale



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *