Pierre-Édouard Bellemare, dopo la sconfitta dei Blues contro la Lettonia: “Abbiamo giocato allo stesso livello”



Pierre-Édouard Bellemare, attaccante della squadra francese, dopo la sconfitta contro la Lettonia (3-2 ap) : « (alla domanda: cosa c'è di positivo da ricordare per la squadra francese?) Tutta la partita. Abbiamo giocato una partita migliore di quella di ieri (Sabato contro il Kazakistan, sconfitta 3-1)mentre eravamo “schiena contro schiena” (due partite in due giorni). Avevamo di fronte una squadra che, si potrebbe dire, sulla carta era migliore di noi. Ma abbiamo giocato allo stesso livello, o anche più in alto. Concediamo gol per errori crudeli. Ma torniamo alla partitura. Poi, durante gli straordinari, si lancia una moneta. E' un po' frustrante perché se ieri avessimo giocato così la vittoria sarebbe stata nostra. Ecco com’è una Coppa del Mondo. Ora dobbiamo prendere i tre punti nella prossima partita (Martedì contro la Polonia) ».

Florian Chakiachvili, difensore della squadra francese : “Con il senno di poi diremmo che è stato un buon punto da cogliere (per aver perso ai supplementari). Ma c'era spazio per prenderne due (in caso di vittoria ai supplementari) o tre (se vittoria nei tempi regolamentari). Qui (SABATO), dominiamo e forse meritiamo di vincere. Questa sera (Domenica), non so se ce lo meritiamo, ma noi ci abbiamo messo tutti gli ingredienti, abbiamo trovato questa identità di straccivendoli, questi giocatori che si buttano a testa in giù sui dischi, che sono pronti a sacrificarsi per questa maglia. Resta positivo”.

READ  Yunis Abdelhamid (Reims): “Per me è importante partire bene”

Julian Junca, portiere della squadra francese : “Questa sera abbiamo visto la nostra solidarietà. I ragazzi mi hanno aiutato tantissimo, è stato molto lavoro di squadra. Se conti il ​​numero di stoppate che i ragazzi hanno fatto davanti a me, è straordinario. Hanno salvato un mucchio di gabbie vuote. Io, dietro, avevo due o tre grandi soste da fare e le ho fatte. Abbiamo dimostrato carattere, non ci saremmo lasciati influenzare”.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *