Pierre Pineau: “L’obiettivo è giocarsi la Top 20”



Pierre Pineau giocherà in casa questa settimana. Un lusso che pochi giocatori sperimentano nel Tour. Attualmente 23esimo nel Road To Mallorca (Challenge Tour Ranking), il vincitore dell’Open portoghese del 2022 si è recentemente comportato bene sul circuito della seconda divisione europea con 13 tagli consecutivi, inclusi tre top 10 nella classifica dei premi:

“Giocherai in casa questa settimana, a Vaudreuil, è un vantaggio per te?
E’ un vantaggio perché anche se gioco male riesco a superare la situazione. Poi non sono cresciuto qui, il campo lo conosco benissimo, ma non è quello in cui ho giocato di più da giovane. È soprattutto l’impostazione del Challenge Tour che cambia un po’ rispetto a quello a cui giochiamo abitualmente. Ho un vantaggio, conosco molto bene la pista ma non è necessariamente quella su cui gioco tutto l’anno.

Ha piovuto molto questa stagione, il percorso è molto verde, è cambiato rispetto al solito. Cosa ne pensi del corso?
Preferisco quando i green sono solidi perché il percorso è più difficile. In termini di manutenzione è molto buona, ma i grezzi sono enormi perché è cresciuta. È alto e denso, quindi quando entri nel grezzo, è come se lo avessi messo in acqua o fuori limite, è super punitivo. Altrimenti è fantastico!

READ  “Razzismo disinibito”, Wesley Fofana reagisce al coro razzista del compagno del Chelsea Enzo Fernandez

“Ho fatto 13 tagli di fila, cosa che non ho mai fatto. Poi sono un po’ deluso, c’è sempre un turno in ogni torneo che mi impedisce di entrare tra i primi 5. »

Per quanto riguarda il tuo anno, come è stato il tuo inizio di stagione se dovessi fare un bilancio?
Ho assunto un caddy a tempo pieno, questo è stato il cambiamento più importante quest’anno, quindi mi sento molto più regolare. Ho fatto 13 tagli di fila, cosa che non ho mai fatto. Poi sono un po’ deluso, c’è sempre un round in ogni torneo che mi impedisce di arrivare tra i primi 5. Gioco bene e so che se riesco ad avere una settimana con quattro round buoni, non dovrebbe andare lontano .

Il fattore scatenante è stato il fatto di avere un carrello della spesa adesso?
Già fisicamente sono molto più fresco grazie ai tornei successivi. E soprattutto mi aiuta nelle scelte, a giocare al meglio i tiri, cosa che non necessariamente facevo l’anno scorso perché esitavo tra due tiri. Ora prendiamo una decisione e giochiamo.

L’obiettivo è scalare il Tour Europeo?
Si tratta di giocare per i primi 20 tramite il Challenge Tour o anche per i primi 10 perché otteniamo una categoria migliore. Per il momento, ho praticamente raggiunto l’obiettivo che mi ero prefissato, quindi sono sulla buona strada. Mi manca una buona settimana per inserirmi, bisogna avere pazienza perché sto giocando bene ma mi mancano due, tre piccole cose. Per il resto mi sento fiducioso. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *