Portato da Anthony Edwards, il Minnesota inizia alla grande la sua serie a Denver, campione in carica della NBA



Questo duello già si preannunciava spettacolare, la prima partita lo ha confermato. « È una grande squadra, hanno il miglior giocatore del campionato in Nikola Jokic, il più forte in Jamal Murray, il miglior tiratore da tre punti in Michael Porter Jr. », ha detto Anthony Edwards dei Nuggets. Ma i Wolves hanno Edwards, appunto, e un'enorme difesa che ha permesso loro di avere la meglio (106-99) su questo temuto avversario, campione in carica, nella prima partita a Denver, nella notte tra sabato e domenica, nel Western Semifinali del congresso. Grazie a questa vittoria, il Minnesota riacquista il vantaggio sul campo di casa.

Il 22enne del Minnesota ha molto a che fare con questo. Già impressionante nella prima parte della partita con 25 punti, Edwards ha continuato a chiudere con 43 punti, record della sua franchigia e della sua carriera negli spareggi, con 17/29 al tiro.

« Sono orgoglioso di come ha progredito per arrivare dove è oggi. »ha salutato il compagno di squadra Mike Conley (14 punti, 10 assist, 4 rimbalzi) al termine dell'incontro. “Quando Edwards dribbla tre giocatori, fa sempre la scelta giusta dietro. L'ho visto crescere dal primo giorno fino a diventare una superstar in divenire, se non già tale.ha completato Naz Reid così come ha fatto in campo nella seconda metà della partita (0 punti prima dell'intervallo e 16 dopo, di cui 10 segnati a fine partita mentre le due squadre erano sull'84-84 ).

READ  Tommy Paul espelle Hubert Hurkacz nei quarti di finale del Masters 1000 di Roma

Guidata da Gobert, la difesa dei Wolves ha bloccato Murray

Questo per quanto riguarda la parte offensiva, ma i Lupi soprattutto hanno imbavagliato bene le minacce avversarie. Jamal Murray, così decisivo nel primo turno dei play-off (4-1 contro i Lakers), ha chiuso la partita con 17 punti (nessuno prima dell'intervallo) e solo 6/14 al tiro. Nikola Jokic è stato ovviamente onnipresente, con 32 punti, 9 assist e 8 rimbalzi, ma ha commesso anche 7 palle perse.

In questo ambito Rudy Gobert ha svolto perfettamente il suo ruolo. Il nativo di Saint-Quentin (Aisne), miglior difensore della NBA nel 2018, 2019 e 2021, ha recuperato 12 rimbalzi difensivi (13 in totale) e effettuato 3 stoppate. Questa azione, a tre minuti dalla fine della partita, in cui lo vediamo segnare un canestro, riuscire nella sua difesa su Jokic, quindi aprire lo spazio offensivo a Edwards, illustra chiaramente la sua prestazione.

I primi cinque minuti della partita, al termine della quale i Nuggets erano già sotto 18-4, dicono molto anche sull'impegno difensivo collettivo dei Wolves. « Siamo stati in difficoltà all'inizio, abbiamo lottato per passare in vantaggio nell'intervallo, poi abbiamo difeso male nel terzo quarto »ha riassunto abbastanza bene l'allenatore di Denver Mike Malone.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *